Martedì 11 Luglio 2017 - 12:45

Il Psg lavora per arrivare a Mbappé: il padre ha incontrato Emery

Ma fino a quando non ci sarà il consenso del giocatore il club non formulerà offerte

Il Psg lavora per arrivare a Mbappé

Il Psg va all'assalto di Kylian Mbappé. Il 18enne attaccante francese, grande protagonista della brillante stagione del Monaco, continua ad essere l'oggetto del desiderio di molte big europee e tra queste c'è il club parigino. In un articolo dal titolo 'Mbappé e il Psg: la grande seduzione', 'L'Equipe' svela che il padre dell'attaccante, Wilfried, ha incontrato i dirigenti del Psg. Nel primo colloquio il club aveva manifestato la volontà di mettere il giocatore al centro del progetto. La scorsa settimana, racconta il quotidiano, Wilfried Mbappé ha incontrato il tecnico del Psg Unai Emery. Ma fino a quando non ci sarà il consenso del giocatore e del suo entourage il club parigino non formulerà offerte. Oltre al fatto che il Monaco non sembra intenzionato al momento a cedere il suo gioiello, il Psg deve fare i conti anche con la concorrenza delle rivali europee, tra cui il Manchester City: una quindicina di giorni fa Mbappé ha cenato con il tecnico Pep Guardiola. Ma sulle tracce del giocatore c'è anche il Real Madrid.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Siviglia vs Barcellona - Finale Coppa del Re

Barcellona: Messi sarà il nuovo capitano. Iniesta verso la Cina

Il centrocampista spagnolo vicino all'addio, l'asso argentino prenderà il suo posto

Siviglia vs Barcellona - Finale Coppa del Re

Barcellona, lacrime e ovazione per Iniesta: Andres potrebbe lasciare

In settimana un annuncio sul suo futuro. Sullo sfondo, un'offerta dalla Cina

Real Madrid vs Athletico Bilbao - La Liga spagnola

Fisco, Ronaldo accusa la giudice: "Messi trattato meglio di me"

Scontro nell'ambito del processo che lo vede imputato per frode fiscale

ENG, Testspiel, England vs Italien

Inghilterra, un altro anno senza Var. Britannici poco convinti

E' stato provato in Coppa di Lega, ma arbitro, pubblico e giocatori non sono convinti