Venerdì 15 Dicembre 2017 - 18:15

Il programma M5S: "Sgravi fiscali e sì agli 80 euro". Il Pd ironizza

Di Maio e i suoi manterranno, almeno all'inizio il bonus: "Poi norme per assorbirlo". Renzi: "Non siamo gelosi"

Residenza Ripetta. Convegno "Servizi pubblici e nuova politica" con Luigi Di Maio

Manovra in deficit, meno tasse, taglio dell'Irpef, via pensioni d'oro e sì 80 euro. Può sembrare la ricetta economica del Pd, ma è quella del Movimento 5 Stelle. Oggi Luigi Di Maio assicura che i Cinquestelle non hanno nessuna intenzione di "toccare gli 80 euro", anzi, "vogliamo proseguire con gli sgravi Irpef". Immediata la reazione del Pd. Matteo Renzi ironizza e sottolinea: "Ci hanno messo quattro anni, ci hanno criticato ovunque, ci hanno sempre votato contro ma alla fine si sono convinti anche loro. Non è mai troppo tardi. E' meraviglioso quando quelli che ti hanno votato contro per una intera legislatura arrivano in campagna elettorale e sostengono le tue idee. Fate pure, non siamo gelosi".

Per Ettore Rosato è "un bene che anche il M5s riconosca l'utilità degli 80 euro di sgravio Irpef introdotti dal governo Renzi". "La misura degli 80 euro serve a dieci milioni di italiani - sottolinea il capogruppo Pd alla Camera -, fa piacere che anche Di Maio se ne sia accorto. Cerchiamo di lavorare con serietà, non facciamo polemiche inutili".

Ma il contesto in cui vanno inserite le parole del candidato premier M5S è in realtà più complesso. Gli 80 euro rappresentano "una riflessione aperta", spiegano in ambiente Cinquestelle. L'idea, se conquistassero lo scranno di Chigi, è di tenere la misura nel breve-medio periodo per poi sostituirla. Togliere subito gli 80 euro - è il ragionamento - significherebbe un aumento della pressione fiscale. Ma il Movimento 5 Stelle "non intende in alcun modo avvalorare la logica dei bonus", assicurano i Cinquestelle. Anzi, quando verso gennaio-febbraio il M5S presenterà la riforma fiscale contenuta nel suo programma, verrà anche illustrata una proposta più organica in grado di assorbire gli 80 euro - che per ora, fanno notare, non è usufruito dai lavoratori autonomi - sempre a beneficio dei redditi medio-bassi. La misura dovrebbe appunto essere incentrata sulla riforma dell'Irpef.

Quindi non un'abolizione nell'immediato del bonus introdotto da Matteo Renzi, ma un provvedimento perfezionato in grado di riassorbirli. "Presenteremo una riforma fiscale che prevede ulteriori agevolazioni Irpef al ceto medio e che aumenta la no tax area, noi non aumentiamo i costi Irpef", annuncia Di Maio. Tra le proposte economiche avanzate dal candidato premier Cinquestelle anche il superamento della legge Fornero e la priorità ai lavori usuranti. "Io voglio tornare all'età pensionabile che c'era prima, 65 anni", promette. Ma ormai si sono rotte le dighe, Simona Malpezzi, del Pd, si chiede con quali coperture il M5s abbasserà le imposte e ironizza sul reddito di cittadinanza "passato dai 100mld iniziali ai 14 mld di oggi".

E il senatore Stefano Esposito chiosa, con un velato riferimento alle accuse dei Cinquestelle a Maria Elena Boschi: "Gli 80 euro ora vanno bene, quindi per quattro anni Di Maio, Grillo e i 5 Stelle hanno mentito agli italiani".

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Luigi Di Maio ospite di "L'Aria che tira"

Meno Irap per le Pmi e taglio Irpef al ceto medio: il programma di governo del M5s

Venti in totale i punti presentati da Di Maio al Villaggio Rousseau di Pescara

Berlusconi incontra il Movimento animalista di Michela Vittoria Brambilla

Centrodestra, Berlusconi attacca ancora M5S. Meloni: "No voltagabbana"

Svolta animalista per l'ex Cav. Intanto Salvini ha incontrato il candidato di centrodestra al Pirellone Attilio Fontana

Paolo Gentiloni visita ai cantieri del Patto per le periferie a Modena

Pd, Gentiloni scende in campo. Renzi: "Suo governo promosso a pieni voti"

Il premier ha annunciato la sua candidatura nel collegio uninominale di Roma 1 alla Camera

Emma Bonino annuncia apparentamento con PD per le prossime elezioni

Centrosinistra, Bonino in coalizione con Pd: "Veri avversari anti-Ue Lega e M5S"

Dopo l'ok arrivato dalle liste Civica popolare e Insieme, anche +Europa dà fiducia ai dem