Giovedì 03 Agosto 2017 - 23:30

Procuratore Mueller accelera su Russiagate e nomina Gran Giuri

Per il Wall Street Journal la commissione si insedierà a Washington

Il procuratore Mueller accelera sul Russiagte

Il procuratore speciale Robert Mueller che sta indagando sul Russiagate ha selezionato un Gran Giuri a Washington. Lo rifersisce il Wall Street Journal.

Secondo il quotidiano economico, che cita "fonti vicine alla questione", la formazione del Gran Giuri indica un'intensificazione delle indagini sui presunti legami della campagna del presidente degli Stati Uniti Donald Trump con i funzionari russi. Indice che le  indagini proseguiranno anche nei prossimi mesi.

Il portavoce di Mueller, Joshua Stueve, non ha confermato la notizia, mentre il consigliere speciale del presidente, Ty Cobb, invece, ha glissato.
"Domande sui Gran Giuri sono tipicamente segrete", ha detto Cobb, aggiungendo che "la Casa Bianca è a favore di tutto ciò che accelerare la conclusione del loro lavoro in modo equo".

Nelle scorse settimane il presidente Donald Trump ha descritto come una "caccia alle streghe" l'inchiesta di Mueller sul Russiagate e definito "molto negativa" e dannosa per gli Stati Uniti la sua nomina a procuratore speciale per supervisionare le indagini dell'Fbi sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali.
 

Scritto da 
  • redazioneweb
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

L'aeroporto di Amsterdam circondato dai media e dalla curiosita' della gente dopo l'incidente aereo di ieri

Amsterdam uomo con coltello all'aeroporto. Colpito dalla polizia

La persona agitava l'arma contro le persone. Gli hanno sparato. Zona interdetta

Gerusalemme capitale, ancora proteste in tutto il mondo musulmano

Gerusalemme, 2 palestinesi morti e oltre 100 feriti nelle proteste

La prima "giornata della rabbia". Le vittime sono due uomini. Hamas invita ad assediare le ambasciate Usa nel mondo

Migranti, affondato un barcone al largo delle coste libiche

Migranti, Gentiloni attacca: "Inaccettabile indisponibilità di alcuni Paesi"

Il premier al vertice Ue di Bruxelles: "Le regole non sono optional". Unicef: "400 bambini annegati nel Mediterraneo nel 2017"