Domenica 20 Marzo 2016 - 20:00

Obama a Cuba: Visita storica, primo passo per nuove relazioni

Il presidente americano è arrivato sull'isola insieme alla famiglia e a una delegazione politica

Obama a Cuba

Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, è arrivato a Cuba, dove resterà per una visita di tre giorni che si concluderà il 22 marzo. Obama, parlando all'Avana ha sottolineato il carattere "storico" della sua visita a Cuba, aggiungendo però che lo considera solo "un primo passo" nelle nuove relazioni fra i due Paesi. Obama ha rilasciato queste dichiarazioni in un incontro organizzato per salutare il personale dell'ambasciata degli Stati Uniti a Cuba e i familiari. L'incontro si è svolto in un hotel dell'Avana, quello dove alloggia la delegazione che accompagna Obama, e il presidente Usa è stato accolto da diplomatici e staff dell'ambasciata con applausi. A loro Obama si è rivolto in spagnolo: "Como andan?", ha chiesto. L'ambasciata Usa a Cuba è stata riaperta il 20 luglio del 2015, data della ripresa formale dei rapporti diplomatici fra Cuba e Stati Uniti.

Il presidente degli Stati Uniti, insieme alla moglie Michelle e alle figlie Sasha e Malia, ha visitato il centro storico dell'Avana, La Habana Vieja, sotto gli ombrelli per ripararsi dalla pioggia che li ha accolti in città. Gli Obama hanno prima visitato Plaza de Armas guidati dallo storico ufficiale dell'Avana, Eusebio Leal, e poi l'interno del Palacio de los Capitanes Generales, antica sede del governo coloniale e oggi sede del Museo della città.

 

L'Air Force One, cioè l'aereo presidenziale Usa, è atterrato all'aeroporto internazionale dell'Avana alle 15.50 ora locale, cioè le 20.50 in Italia. Obama è accompagnato dalla moglie Michelle, dalle figlie Malia e Sasha e dalla suocera Marian Robinson. Con Obama e la famiglia ci sono la leader della minoranza democratica alla Camera Usa Nancy Pelosi, i senatori democratici Patrick Leahy e Dick Durbin e il repubblicano Jeff Flake, mentre una delegazione più ampia di leader politici e imprenditori viaggia separatamente.

FERMATE 50 DAMAS DE BLANCO. Circa 50 Damas de blanco sono state arrestate all'Avana nell'abituale marcia domenicale e fra loro c'è Berta Soler, leader del gruppo, che è stata invitata all'incontro che martedì Obama avrà con alcuni dissidenti cubani. Gli arresti, che di solito durano poche ore e si concludono con il rilascio, sono arrivati a poche ore dall'arrivo del presidente degli Stati Uniti. Per oggi era stata organizzata una contro-manifestazione pro governo in risposta a quella delle Damas de Blanco e, quando gli oppositori si sono seduti a terra per bloccare la strada in cui centinaia di manifestanti gridavano slogan contro di loro, la polizia li ha arrestati portandoli via a bordo di van.

Loading the player...
Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Preso dopo 40 anni il serial killer della California. Era un poliziotto

Catturato il responsabile di una serie di omicidi e stupri avvenuti negli anni '70 e '80 nell'area di Sacramento. Joseph De Angelo, 72 anni, incastrato dal Dna

Washington: Macron al Congresso Usa

Macron a Congresso Usa: "Sì multilateralismo, mai armi nucleari a Iran"

Il presidente ha rimarcato l'amicizia franco-americana, gli "ideali e valori comuni", ringraziando Trump per il "forte simbolo" dell'invito alla Francia nella "prima visita di Stato"

Vincent Bolloré fermato e interrogato per tangenti in Africa

Francia, Bolloré davanti ai giudici: accusato di corruzione

Il miliardario, primo azionista di Vivendi, avrebbe pagato delle tangenti per concessioni portuali in Africa

Alfie Evans court case

Alfie, bocciato nuovo ricorso dei genitori: no al trasferimento in Italia

La Corte d'appello di Londra non cambia idea: il bimbo, affetto da una malattia neurodegenerativa incurabile non può lasciare il Regno Unito