Giovedì 18 Agosto 2016 - 12:00

Il piccolo Omran ad Aleppo: l'orrore della guerra in una foto

Intrappolato sotto le macerie dopo un bombardamento, il bimbo è stato salvato dai soccorsi

Il piccolo Omran ad Aleppo: l'orrore della guerra in una foto

Sguardo perso e spaventato, polvere su tutto il corpo, sangue sul viso. Questo il ritratto del piccolo Omran Daqneesh, 5 anni, rimasto intrappolato sotto le macerie dopo un bombardamento ad Aleppo e salvato dalle squadre di soccorso. L'immagine del bambino, ricavata dal frame di un video diffuso dal network locale Aleppo Media Center, in poche ore ha fatto il giro del mondo, diventando simbolo dell'orrore della guerra in Siria. Stando a quanto riportato dalla Bbc, Omran è stato curato dai medici ma non è chiaro cosa sia successo alla sua famiglia.

 

 

 

Ad Aleppo i combattimenti tra le forze siriane governative, appoggiate dagli attacchi aerei russi, e i ribelli sono aumentati a livelli esponenziali nelle ultime settimane, lasciando sul terreno centinaia di morti. Fortunatamente quella che vede protagonista il piccolo Omran è tutto sommato una storia a lieto fine ma il Paese continua ad essere lacerato da guerra e distruzione, il tutto, secondo i medici, nell'indifferenza più totale da parte dell'Occidente. “Il mondo ha voltato le spalle alla Siria”, raccontano disperati i dottori di Aleppo.  

Scritto da 
  • Claudia Mingardi
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Donald Trump riceve il presidente sudcoreano Moon Jae-in alla Casa Bianca

Nord Corea, Trump: "Possibile un rinvio del vertice con Kim"

L'incontro tra il presidente Usa e il leader nordcoreano è fissato per il 12 giugno a Singapore

Usa, il senato conferma Gina Haspel come direttore della CIA

Dazi, dopo la pace con gli Usa la Cina taglia tariffe su import auto

E intanto si avvicina la data in cui anche l'Unione Europea saprà la decisione di Trump

Siria, sette anni di guerra civile

Iraq, jihadista belga condannato a morte per appartenenza all'Isis

Nella prima udienza presso il tribunale di Baghdad si era dichiarato innocente

Australia, arcivescovo Wilson colpevole: coprì abusi sessuali negli anni '70

Si tratta del più alto prelato al mondo ad essere stato perseguito con successo per questo reato