Sabato 28 Novembre 2015 - 12:15

Il Perugia vince contro l'Avellino in rimonta 1-2

Vittoria esterna degli umbri che riprendono e sorpassano gli irpini

Mokulu svetta di testa

Colpo grosso del Perugia, che si impone per 2-1 in rimonta sul campo dell'Avellino nella 15/a giornata di Serie B. I Grifoni si portano a quota 21 in classifica, mentre gli irpini rimediano la seconda sconfitta casalinga stagionale e restano fermi a 16 punti. Primo tempo di marca avellinese, i padroni di casa comandano il gioco e trovano il vantaggio al 36' con un bolido al volo dal limite dell'area. Nel secondo tempo in campo c'è però solo il Perugia. Gli umbri trovano il pareggio al 49' con Di Carmine su assist di Del Prete. L'Avellino accusa il colpo e al 65' subisce la clamorosa rimonta del Perugia con Parigini che da posizione defilata firma il gol del 2-1. Inutile l'assalto finale dell'Avellino che, anche in pieno recupera rischia di subire anche il terzo gol con Parigini che colpisce la traversa.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Giro d’Italia U23: a Rubio la quinta tappa. Williams indossa la maglia rosa

Il colombiano chiude davanti al nuovo leader della generale e al kazako Natarov. Lontani gli italiani: Caiati, il migliore, è sedicesimo. Mercoledì la sesta giornata su LaPresse dalle 17:00

ENG, UEFA CL, Manchester City vs FC Liverpool

Da Guardiola 150mila euro per riparare la nave di Proactiva Open Arms

Un gesto importante per sostenere la ong catalana che si occupa di primo soccorso e salvataggi in mare

Calcio a 5, finali scudetto: l'Acqua&Sapone è campione d'Italia

Per gli abruzzesi è il primo tricolore. Battuta, dopo cinque partite e una serie intensissima, la Luparense detentrice del titolo. Sesto scudetto per Edgar Bertoni, che raggiunge Humberto Honorio, capitano dei veneti

Astori, secondo la nuova perizia il giocatore non è morto nel sonno, è stata 'tachiaritmia'

Forse il capitano della Fiorentina si sarebbe salvato se avesse condiviso la camera con qualcuno che poteva dare l'allarme