Sabato 16 Dicembre 2017 - 22:15

Il Pentagono ammette l'esistenza di un programma per cercare gli Ufo

Da anni il programma 'segreto' indaga sulle segnalazioni di oggetti volanti non identificati

Dei 600 milioni di dollari destinati alla Difesa, il programma 'segreto' dedicato all'avvistamento degli Ufo ne costava 22. Oggi, secondo il New York Times, lo stesso Pentagono ha riconosciuto per la prima volta l'esistenza di quel programma che per anni ha indagato sulle segnalazioni di oggetti volanti non identificati. Il quotidiano americano sostiene di essere in possesso di interviste con chi ha partecipato al programma e registrazioni che proverebbero l'esistenza del 'piano' anti-ufo, gestito da un funzionario dell'intelligence militare, Luis Elizondo.

Il Dipartimento della Difesa non ha mai riconosciuto l'esistenza del programma, lanciato nel 2007 e chiuso nel 2012. Ma i suoi sostenitori affermano che il progetto è rimasto in piedi anche quando il Pentagono ha smesso di erogare i fondi. Negli ultimi cinque anni, spiegano, i funzionari del programma hanno continuato a indagare su alcuni episodi riportati da membri del servizio.

Il programma inizialmente è stato ampiamente finanziato su richiesta di Harry Reid, il democratico del Nevada che all'epoca era il leader della maggioranza del Senato e che da tempo aveva un interesse per i fenomeni spaziali. La maggior parte del denaro è andato a una società di ricerca aerospaziale gestita da un imprenditore miliardario e amico di lunga data del signor Reid, Robert Bigelow, che sta attualmente collaborando con la Nasa per produrre navicelle per gli umani da utilizzare nello spazio.

Su "60 minuti" della Cbs a maggio, Bigelow aveva detto di essere "assolutamente convinto" che gli alieni esistono e che gli Ufo hanno visitato la Terra.
 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Washington: Macron al Congresso Usa

Macron a Congresso Usa: "Sì multilateralismo, mai armi nucleari a Iran"

Il presidente ha rimarcato l'amicizia franco-americana, gli "ideali e valori comuni", ringraziando Trump per il "forte simbolo" dell'invito alla Francia nella "prima visita di Stato"

Vincent Bolloré fermato e interrogato per tangenti in Africa

Francia, Bolloré davanti ai giudici: accusato di corruzione

Il miliardario, primo azionista di Vivendi, avrebbe pagato delle tangenti per concessioni portuali in Africa

Alfie Evans court case

Alfie, bocciato nuovo ricorso dei genitori: no al trasferimento in Italia

La Corte d'appello di Londra non cambia idea: il bimbo, affetto da una malattia neurodegenerativa incurabile non può lasciare il Regno Unito