Mercoledì 10 Maggio 2017 - 11:30

Macron scarica l'ex premier Valls e il partito socialista lo espelle

"Non rispetta i criteri" per essere candidato per le legislative secondo "En Marche!"

Il partito di Macron respinge la candidatura dell'ex premier Valls

Per il partito del presidente eletto francese Emmanuel Macron, La Republique en marche!, l'ex primo ministro Manuel Valls "ad oggi non rispetta i criteri" per la candidatura in vista delle legislative. Lo ha dichiarato il presidente della Commissione per le candidature, Jean-Paul Delevoye, parlando a Europe1 e citato da Le Figaro. "Attualmente, non rispetta i criteri per l'accettazione della sua domanda di candidatura", ha affermato. "Le regole si applicano a tutti", ha aggiunto, spiegando che non essendo Valls un aderente di En Marche! non può pretendere di candidarsi. "Quelli che vogliono iscriversi devono rispettare tutti i criteri, se non lo fanno, non sono con noi e noi proponiamo un altro candidato", ha proseguito Delevoye. Inoltre, "non abbiamo alcuna vocazione a riciclare" i politici.

Intanto è in corso la procedura di espulsione dell'ex premier dal partito socialista. Lo ha fatto sapere su Twitter il segretario, Jean-Chr. Cambadélis, dopo che La Republique en Marche del presidente eletto  ha riferito di aver respinto la proposta di candidatura.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Usa, Trump all'Iran: "Non minacciateci mai più, fate attenzione"

Il presidente americano su Twitter contro Rouhani che aveva avvertito gli Usa assicurando che un conflitto con Teheran sarebbe "la madre di tutte le guerre"

Paura a Toronto, sparatoria in strada: tre morti e 12 feriti

Un uomo armato, freddato poi dalla polizia, ha aperto il fuoco nel quartiere greco uccidendo una donna. Tra i coinvolti anche un bambino

Russiagate, Trump al contrattacco: "Fbi spiava la mia campagna"

Per il presidente il Bureau teneva sotto controllo un suo consulente per avvantaggiare Hillary Clinton

La Proactiva Open Arms in azione al largo della Libia

Migranti, appello del Papa: "Basta tragedie". Open Arms non denuncia Italia

Per l'ong la guardia costiera libica è colpevole di omissione di soccorso e omicidio colposo in relazione alla morte di due migranti. Tripoli nega: "Solo calunnie"