Martedì 27 Giugno 2017 - 10:00

Il Papa ai cardinali: Non siamo gerontocrazia ma sognatori

Il Pontefice in Vaticano: "Chi lo dice non ci vuole bene, è una beffa"

Il Papa ai cardinali: Non siamo gerontocrazia ma nonni sognatori

"Qualcuno che non ci vuole bene dice di noi che siamo la gerontocrazia della Chiesa. E' una beffa. Non capisce quello che dice. Noi non siamo i geronti, siamo dei nonni e, se non sentiamo questo, dobbiamo chiedere la grazia di sentirlo. Siamo dei nonni a cui i nostri nipotini guardano. Dobbiamo dar loro un senso della vita con la nostra esperienza. Nonni non chiusi nella malinconia della storia nostra ma aperti. E per noi questo 'alzati, guarda, spera' si chiama sognare. Noi siamo dei nonni chiamati a sognare". Così Papa Francesco stamani durante l'omelia della Messa per il 25esimo anniversario della sua ordinazione episcopale nella Cappella Paolina, in Vaticano, rivolto ai cardinali.
"La Bibbia - ha aggiunto in un altro passaggio - ci indica tre imperativi: alzati, guarda, spera. Guarda l'orizzonte, non costruire muri. Quanto più si va avanti, più si allontana l'orizzonte. Spingere lo sguardo avanti camminando ma verso l'orizzonte. Alzati, guarda, niente muri, orizzonte. La speranza è senza muri, è puro orizzonte".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

La festa degli indiani Sikh a Brescia

Milano, nozze combinate in Bangladesh a 10 anni: mamma la salva

Il matrimonio organizzato dal padre tra la figlia e un 22enne. Ma la madre ha strappato i passaporti e denunciato il marito

ITALY-LIBYA-EUROPE-MIGRANTS-NGO

Migranti, bimbo nato a bordo nave Aquarius: si chiama 'Miracolo'

Il piccolo è venuto alla luce sull'imbarcazione di ricerca e soccorso gestita da Medici Senza Frontiere e Sos Mediterranee. Lui e la mamma stanno bene

Sole e nuvole ma fa caldo: il meteo del 27 e 28 maggio

Le previsioni del servizio meteorologico dell'aeronautica militare

Roberto Izzo in aula per deporre durante il processo per la strage di Piazza Loggia

Morte Corazzin, sindaco San Vito al Tagliamento: "Verità per Rossella"

Parla Antonio Di Bisceglie, primo cittadino del Comune dove viveva la 17enne che, secondo la testimonianza del Angelo Izzo, sarebbe stata rapita e uccisa da un branco di giovani