Domenica 13 Novembre 2016 - 13:15

Il Papa a Giubileo emarginati: Inaccettabile si venga scartati

Le parole del Pontefice dalla Basilica di San Pietro

Papa Francesco

"Per voi sorgerà con raggi benefici il sole di giustizia". Non poteva trovare parole più forti il Papa Francesco, citando il profeta Malachia, nella Basilica di San Pietro, davanti alle migliaia di persone presenti in occasione del Giubileo dedicato agli emarginati, ai poveri e in generale alle persone socialmente escluse. E' inaccettabile, ha detto loro Francesco, che la persona umana venga spesso scartata. Si sono riuniti attorno a lui, al Papa che li ha messi al centro di un anno straordinario, della Misericordia, per una celebrazione che è stato il culmine di tre giorni a loro dedicati. Ai socialmente esclusi, a coloro che sempre più spesso sono lo scarto della società, Francesco ha ripetuto, secondo le letture di oggi, ciò che disse Gesù alla gente al Tempio: "tutto passa".

L'esortazione di Gesù è a non lasciarsi ingannare "dai predicatori apocalittici" dai "profeti di sventura", dalle "vanità degli oroscopi", dalle "predizioni che ingenerano paure", è anzi un invito "a distinguere" ciò che viene da Dio e "ciò che viene dallo spirito falso". Poi Bergoglio entra nel pieno del suo messaggio diretto ai protagonisti del giubileo e a tutti i fedeli: oggi, "quando si parla di esclusione, vengono subito in mente persone concrete; non cose inutili, ma persone preziose". "La persona umana, posta da Dio al culmine del creato, viene spesso scartata, perché si preferiscono le cose che passano. E questo è inaccettabile, perché l'uomo è il bene più prezioso agli occhi di Dio. Ed è grave che ci si abitui a questo scarto; bisogna preoccuparsi, quando la coscienza si anestetizza e non fa più caso al fratello che ci soffre accanto o ai problemi seri del mondo, che diventano solo ritornelli già sentiti nelle scalette dei telegiornali".

Francesco quindi parla della "tragica contraddizione" e della "grande ingiustizia" di oggi: tanto più aumentano progresso e possibilità, che restano un bene, tanto più aumenta chi non può accedervi. "Non si può stare tranquilli in casa mentre Lazzaro giace alla porta; non c'è pace in casa di chi sta bene, quando manca giustizia nella casa di tutti".

Oggi in tutto il mondo si chiudono le Porte Sante, ciò che chiede il Papa è di non chiudere gli occhi davanti a Dio e "dinanzi al prossimo che ci interpella". Alla fine, a braccio sottolinea: "E' nostro compito prenderci cura della vera ricchezza che sono i poveri" e  spiega come "alla luce di queste riflessioni", vorrebbe che oggi fosse "la giornata dei poveri".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Roma, trovato cadavere della studentessa cinese scomparsa

Roma, trovato il cadavere della studentessa cinese scomparsa

Il copro era vicino alla ferrovia, la ragazza potrebbe essere stata investita da un treno

'Ndrangheta, 14 arresti: fermato anche sindaco Bova Marina

'Ndrangheta, 14 arresti: fermato anche sindaco Bova Marina

Maxi blitz dei carabinieri di Reggio Calabria

Papa avverte: Oggi mancano leader, ma l'Europa ne ha bisogno

Papa: Oggi mancano leader, ma l'Europa ne ha bisogno

Il Pontefice contro l'ipocrisia dei governi: "Diciamo 'Mai più guerra' ma intanto fabbrichiamo armi"

Istat, il 28,7% dei residenti in Italia è a rischio povertà

Istat, il 28,7% dei residenti in Italia è a rischio povertà

Cresce anche il divario tra le famiglie ricche e quelle povere