Lunedì 21 Novembre 2016 - 14:15

Il nonno di Trump cercò invano di tornare in Germania nel 1905

Volevo riprendere la nazionalità tedesca e tornare a vivere in Germania

Il nonno di Trump cercò invano di tornare in Germania nel 1905

Frederick Trump, nonno del presidente eletto degli Stati Uniti Donald Trump cercò invano di riprendere la nazionalità tedesca e tornare a vivere in Germania dopo essere emigrato negli Usa nel 1885 e aver fatto fortuna. Lo rivela il quotidiano tedesco Bild. Nel corso di una visita avvenuta nel 1901 nel suo paesino natale, Kallstadt, allora appartenente al regno di Baviera, oggi facente parte del land di Renania-Palatinato, il nonno di Trump (classe 1869) si innamorò di una ragazza, Elisabeth, con cui un anno dopo si sposò e tornò a New York. Ma la giovane sentì presto nostalgia della patria. Così Trump, che nel frattempo aveva accumulato una grande fortuna negli States, cercò di ristabilirsi nel Paese di origine. Ma il suo desiderio sì arenò, sia per motivi burocratici, sia per non aver prestato il servizio militare. Da quanto risulta da un documento ufficiale del 27 febbraio 1905, le autorità del distretto di Dürkheim sollecitarono l'amministrazione locale a "comunicare al cittadino statunitense Friedrich Trump, che si trova attualmente a Kallstadt, che deve abbandonare il territorio bavarese al più tardi il primo maggio dell'anno in corso e che, in caso contrario, dovrà far rispettare la sua espulsione".

Roland Paul, storico locale ed ex direttore dell'Istituto di storia ed etnologia del Palatinato, che ha recuperato il documento da un archivio regionale, ha spiegato alla Bild, che "Friedrich Trump emigrò nel 1885 dalla Germania agli Stati Uniti, ma prima di aver compiuto il servizio militare e senza aver lasciato il luogo" con le necessarie procedure burocratiche. Per questo, spiega lo storico, "le autorità respinsero la richiesta nel 1905 di vedere restituita la nazionalità" all'uomo. Trump, che fece fortuna negli Usa con la febbre dell'oro, gestendo un ristorante e, sembra, anche un bordello, fece il possibile, secondo vari media tedeschi, per ricevere la notifica necessaria a ottenere il permesso di residenza tedesca. Il 6 giugno 1905 scrisse una lettera che la Bild definisce servile al "beneamato, nobile, saggio e giusto sovrano", oltre che "sublime governante", principe reggente Leopoldo di Baviera. Ciononostante, il monarca rimase fermo sulle posizioni ufficiali e respinse anche la "più sottomessa delle richieste".

Come molti altri tedeschi di quel periodo, oltre 100mila all'anno, il futuro fondatore della dinastia Trump aveva abbandonato la Germania nel 1885 all'età di 16 anni, in cerca di una vita migliore negli Usa. Sul tavolo della cucina di famiglia lasciò una lettera d'addio. Il primo luglio 1905, dopo non aver ottenuto il permesso di residenza, i Trump lasciarono definitivamente la Germania. Ad Amburgo si imbarcarono sul 'Pennsylvania', transatlantico della compagnia Hapag, diretto a New York. Elisabeth Trump era incinta e tre mesi dopo, nei Queens, avrebbe dato alla luce il padre del presidente eletto Donald Trump.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Manchester,  arrestato 19enne collegato all'attentato

Manchester, arrestato 19enne collegato all'attentato

Sale a 13 il numero delle persone sotto inchiesta

Merkel contro Trump: Ue non può fidarsi degli Usa

Merkel contro Trump: Ue non può fidarsi degli Usa

"I tempi in cui potevamo fare pienamente affidamento sugli altri sono passati da un bel pezzo, questo ho capito negli ultimi giorni"

Clima, media Usa: Trump vuole uscire dagli accordi di Parigi

Trump vuole uscire da accordi di Parigi. Merkel: Ue non si fida

Lo rivela il sito americano Axios, citando tre fonti vicine a Trump

Manchester, blitz polizia: arrestato uomo di 25 anni per l'attentato

Manchester, blitz polizia: arrestato uomo di 25 anni per l'attentato

Al momento, sono quindi 12 i fermati in relazione all'attacco in cui sono state uccise 22 persone