Sabato 20 Febbraio 2016 - 09:00

Il mondo piange la scomparsa di Umberto Eco

Tutti i quotidiani internazionali dedicano un articolo allo scrittore italiano di fama mondiale

Conferimento laurea honoris causa a Umberto Eco

Il mondo piange Umberto Eco. Questa mattina i maggiori quotidiani internazionali ricordano la grandezza dello scrittore e accademico italiano, morto ieri sera a 84 anni.

NEW YORK TIMES -   "Come studioso di semiotica, Eco ha cercato di intepretare le culture attraverso i loro segni e simboli, con parole, icone religiose, spartiti... Ha pubblicato più di 20 libri di saggistica su questi temi mentre insegnava all'Università di Bologna. Ma piuttosto che separare la sua vita accademica dalla sua narrativa popolare, Eco ha infuso nei suoi sette romanzi molti dei suoi temi scientifici", si legge sul sito del quotidiano americano che celebra lo scrittore come una sorta di celebrità della cultura pop, "capace di fondere due mondi, quello accademico e quello letterario senza mai perdere il contatto il pubblico e la realtà".

 LE MONDE - "La curiosità e il campo di indagine di Umberto Eco conoscevano pochi limiti, la costante della sua analisi resta la volontà di vedere il senso là dove si sarebbe tentati di non vedere altro che fatti". Lo scrive il quotidiano francese Le Monde. "Filosofo destinato a essere inserito nella super selettiva Library of Living Philisophers, Eco sembra promesso anche a una posterità da romanziere. Una sorta di Pico della Mirandola, colui che il medievalista Jacques le Goff chiamava 'il grande alchimista'", ribadisce il quotidiano.

EL PAIS -Eco è stata una presenza costante e imprescindibile della vita culturale italiana dell'ultimo mezzo secolo", scrive il quotidiano spagnolo commentando la morte dello scrittore italiano. "Ripercorrere la vita e la carriere di Eco significa ricostruire un pezzo importante della storia culturale non solo italiana", continua il quotidiano.

THE GUARDIAN - Umberto Eco "era uno dei nomi letterari più venerati al mondo", scrive il quotidiano britannico ricordando l'intervista fatta proprio dal Guardian a Eco a Londra nel 2015. "Credo che un autore deve scrivere ciò che il lettore non si aspetta. Il problema non è quello di chiedere di cosa hanno bisogno ma di cambiarli, per produrre noi il tipo di lettore che si desidera per ogni storia", aveva spiegato Eco illustrando il suo approccio alla lettura.

 

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Smog  e nebbia - panoramica stazione Centrale con Grattacieli

Smog, Appendino: Situazione grave, non è esagerato tenere le finestre chiuse

La città di Torino è maglia nera per sforamento dei livelli di polveri sottili

IL PRELIEVO AL BANCOMAT

La crisi spaventa: il denaro non circola, 38 miliardi di riserve in più

I cittadini accumulano per timore di nuove tasse, le imprese non investono perché non hanno fiducia nel futuro

Belgio, insetti da mangiare

Insetti a tavola dal 1 gennaio, più di 1 italiano su 2 è contrario

La maggior parte dei nuovi prodotti proviene da Paesi come la Cina o la Thailandia da anni ai vertici delle classifiche per numero di allarmi alimentari

Maltempo ponte della Liberazione - Nebbia al Passo del Tonale

Nuvole e temperature in calo: il meteo del 21 e del 22 ottobre

Le previsioni per sabato e domenica: il freddo inizia ad arrivare