Venerdì 14 Luglio 2017 - 15:15

Il Milan è da scudetto. La Juve è per adesso indecifrabile

Bonucci non considerava più i bianconeri come casa sua, ecco perché la trattativa con i rossoneri è stata fulminea

Il Milan è da scudetto. La Juve è per adesso indecifrabile

La sensazione è che si siano tolti tutti un peso: la Juventus che considerava ormai Leonardo Bonucci quasi ingombrante all'interno di uno spogliatoio descritto da Dani Alves (altro partente illustre) non proprio come un'oasi di felicità; Leonardo Bonucci che non considerava più la Juventus come casa sua. Ecco perché la trattativa con il Milan è stata fulminea ed è andata subito a buon fine: Andrea Agnelli e Giuseppe Marotta non hanno esitato nemmeno di fronte all'eventualità di consolidare una squadra che adesso è da considerare una pretendente per lo scudetto: hanno intascato 40 milioni e tanti saluti; Massimiliano Allegri non ha fatto una piega all'idea di perdere uno dei difensori più forti d'Europa, anche perché i due avevano litigato platealmente durante e dopo la partita con il Palermo.

Con la schiera di acquisti effettuata tra giugno e luglio, il Milan si ricolloca tra le squadre che puntano in alto. Nemmeno durante la gestione ultraventennale di Silvio Berlusconi c'era stato un mercato così scoppiettante: e il difensore azzurro, in questo senso, è un sigillo di garanzia per le ambizioni future. Donnarumma, Bonucci e Romagnoli sono tanta roba per una retroguardia spesso troppo fragile, poi Biglia, Kessie, Rodriguez, Calhanoglu, Conti, Musacchio, André Silva, eccetera eccetera. A naso, Vincenzo Montella ha una responsabilità molto grande sulle spalle: vincere. Subito.

La Juventus è meno decifrabile. Di nuovo ha il logo e Douglas Costa, brasiliano pagato 46 milioni. Di meno ha Dani Alves e Bonucci, per il momento. Da risolvere ha un paio di grane: Schick, tutt'ora a bagnomaria (piace ad Allegri? Mah) e Alex Sandro, il quale tenuto conto dell'offerta del Chelsea ha chiesto un adeguamento del contratto. Da vendere ha pure Cuadrado e Lemina. La sensazione che le strategie mercantili dei campioni d'Italia siano ancora in fase di definizione è tracimante, malgrado la presenza nello staff societario di Fabio Paratici sia una garanzia assoluta sotto il profilo professionale. Le prossime settimane saranno decisive per capire dove andrà a parare la Juventus. Che, immaginiamo, non potrà stare con le mani in mano.
 

Scritto da 
  • Vittorio Oreggia
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Milan, indagato per falso in bilancio ex presidente Yonghong Li. Sì dal Tas: club resta in Europa

Accolto il ricorso: i rossoneri potranno prendere parte regolarmente alla prossima edizione dell'Europa League

Cristiano Ronaldo ad un evento promozionale a Pechino

Ronaldo fuoriclasse generoso, mancia record in Grecia: 20mila euro ai camierieri del resort

È quanto rivela il Sun. Il campione è rimasto talmente impressionato dal servizio ricevuto che non poteva andarsene senza un ringraziamento speciale

Cristiano Ronaldo esce per salutare

Juve, il giro del mondo di Ronaldo non passerà dagli Stati Uniti

Non andrà in America con la squadra ma dal 30 luglio sarà a disposizione. Ora è già partito per un tour promozionale della Nike in Cina

Ronaldo con la famiglia allo stadio: subito maglia della Juve per Cristiano Jr.

I primi scatti della nuova vita bianconera postati su Twitter