Venerdì 20 Aprile 2018 - 16:15

Il Messico blocca la vendita della Barbie-Frida Kahlo

Il giudice ha dato ragione alla famiglia dell'artista, che rivendicava di essere l'unica proprietaria dei diritti di immagine

Stop alla vendita della Barbie con il volto di Frida Kahlo in Messico. Un giudice messicano ha vietato al gigante Usa dei giocattoli Mattel di commercializzare nel Paese la bambola ispirata alla pittrice, dando così ragione alla famiglia dell'artista, che rivendicava di essere l'unica proprietaria dei diritti di immagine. Ad annunciarlo è stato l'avvocato della famiglia Kahlo, Pablo Sangri, spiegando che la decisione ha applicazione immediata ma che Mattel può presentare ricorso. In base alla sentenza, sono vietati in Messico la vendita della Barbie-Frida, nonché ogni uso di "brand, immagine e lavori di Frida Kahlo". Adesso, sottolinea il legale, la famiglia di Frida Kahlo spera di potere avviare una procedura giuridica anche negli Stati Uniti, in modo da vietare la vendita della Barbie in questione anche negli Usa. Per farlo, però, intende aspettare l'esito finale del caso messicano.

Mattel aveva lanciato la Barbie-Frida a marzo scorso, quando in occasione della giornata internazionale delle donne 2018 aveva presentato la collezione 'Inspiring Women', una serie di 14 Barbie ispirate a donne che hanno segnato la storia: dalla pilota Amelia Earhart alla capitana della Juventus e della nazionale italiana di calcio Sara Gama, dalla regista Patty Jenkins appunto alla pittrice messicana Frida Kahlo, vissuta dal 1907 al 1954 e considerata fra gli artisti e le artiste più importanti del XX secolo. Sposata con il pittore messicano Diego Rivera e un tempo anche amante del rivoluzionario russo in esilio Leon Trotsky, Kahlo è nota per i suoi commoventi autoritratti, con cui trasmetteva tanto il suo dolore fisico, quanto l'isolamento.

Ma al lancio del giocattolo a marzo erano seguite polemiche e anche una disputa legale con la famiglia, che sosteneva che i diritti d'immagine fossero stati rubati e accusava Mattel di averne travisato l'essenza. Le critiche riguardavano in particolare il fatto che una donna nota per avere sfidato i conformismi di genere venisse rappresentata nel corpo di Barbie, con pelle più chiara e senza le folte sopracciglia unite. "Doveva essere una bambola più messicana, con la pelle più scura, le sopracciglia unite, non così magra perché Frida non era magra...vestita con abiti più messicani, con gioielli messicani", ha detto ad AFP la nipote Mara Romeo.

La quale ha commentato la decisione del giudice così: "Sono felice perché credo che sia stata fatta giustizia: siamo noi, la famiglia Kahlo, a detenere i diritti di tutte queste cose". Mattel invece, dal canto suo, ritiene di detenere i diritti perché sostiene di avere "lavorato in stretta collaborazione con Frida Kahlo Corporation", società fondata dalla famiglia Kahlo e basata in Florida, che secondo il gigante del giocattolo "detiene tutti i diritti legati al nome e all'identità di Frida Kahlo". L'avvocato di Romeo conferma sì che la società è stata fondata dalla famiglia della pittrice, ma in collaborazione con la Casablanca Distributors, che a suo parere non ha rispettato il contratto omettendo di informare i familiari dell'uso fatto dell'immagine dell'artista.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Si ribalta pullman Flixbus in viaggio verso Berlino: 16 feriti

Il mezzo è finito in un fossato, si indaga sulla dinamica. Sei persone in gravi condizioni

Bari, iniziativa Coldiretti per salvare il grano italiano

Motovedetta italiana salva 170 migranti. Salvini attacca: "Non avvertiti"

Il barcone era nelle acque Sar maltesi ed è stato riaccompagnato dalle motovedette di La Valletta verso quelle italiane. Il ministero degli Interni: "Li riportino a Malta"

AFGHANISTAN-UNREST-BLAST

Afghanistan, kamikaze contro scuola in zona sciita: almeno 37 morti

Sono per la maggior parte studenti. Nessun gruppo ha rivendicato la violenza