Giovedì 20 Ottobre 2016 - 14:00

Exomars, il lander Schiaparelli si è schiantato su Marte

Esa: "Probabile che il sistema si sia spento prima del previsto, a un'altitudine da stabilire"

Il lander Schiaparelli si è schiantato su Marte: Retrorazzi attivi per pochi secondi

Il lander Schiaparelli potrebbe essersi schiantato sul suolo di Marte. E' il timore, quasi ormai una certezza, dell'Agenzia spaziale europea. "Abbiamo conferma che i retrorazzi si siano brevemente attivati, anche se appare probabile che si siano spenti prima del previsto, a una altitudine che deve ancora essere stabilita", scrive l'Esa in una nota, parlando degli ultimi segnali giunti dallo Schiaparelli, che avrebbe dovuto toccare il suolo su Marte ieri alle 16.58 ora italiana. Ecco perché sembra ormai probabile che il mezzo si sia schiantato al suolo.

LEGGI ANCHE Marte, giallo su Schiaparelli: non si sa se è ancora intero

Le prime indicazioni dei segnali radio, catturati ieri dal Giant Metrewave Radio Telescope (Gmrt) - un radiotelescopio sperimentale indiano - e dal Mars Express, satellite europeo che orbita intorno al pianeta rosso, hanno mostrato che lo Schiaparelli ha completato buona parte degli stadi della sua discesa - che avrebbe dovuto durare sei minuti - attraverso la atmosfera marziana. Lo scudo ha funzionato e il paracadute si è aperto. Tuttavia il segnale si è interrotto e anche il Tgo, la nave madre dalla quale si è sganciato lo Schiapparelli, ha perso i contatti 50 secondi prima del previsto impatto a terra.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Turisti e sicurezza in città'

Isis minaccia su Telegram: "Il prossimo obiettivo è l'Italia"

Lo riferisce l'organizzazione Usa Site. Il Viminale comunica di aver espulso due marocchini e un siriano per motivi di pericolosità sociale

Trovato cadavere carbonizzato in un prato vicino ad Aosta

Per il momento non è stato possibile identificare la vittima

I genitori di Valeria Solesin: "Conosciamo questo dolore"

Luciana Milani e Alberto Solesin scrivono una lettera aperta ai familiari delle vittime della strage di Barcellona