Venerdì 06 Ottobre 2017 - 11:45

"Il governo del Brasile è pronto a estradare Battisti in Italia"

L'esclusiva della testata brasiliana O Globo. Unica condizione: l'Italia deve dichiarare che non ci sarà un ergastolo

FILE PHOTO: Italian former leftist guerrilla Cesare Battisti leaves the headquarters of Federal Police in Sao Paulo

Il governo del Brasile ha pronto un piano per rimandare in Italia Cesare Battisti. È quanto riporta in esclusiva la testata brasiliana O Globo, secondo cui se l'Italia dichiarerà che non ci sarà un ergastolo, per l'estradizione potrebbe essere utilizzato un velivolo della polizia federale brasiliana.

L'idea, stando a O Globo, sarebbe di imbarcare Battisti su un aereo della polizia direttamente a Corumbà, la località di Mato Grosso, vicino al confine con la Bolivia, in cui l'ex membro dei Proletari armati per il comunismo (Pac) è stato fermato mercoledì con l'accusa di violazione delle norme sulle valute straniere e anche riciclaggio di denaro.

Ieri il giudice federale Odilon de Oliveira ha confermato l'arresto stabilendo che le circostanze suggeriscono che Battisti stesse provando a fuggire in Bolivia "temendo di essere effettivamente" riportato in Italia con l'estradizione.

Tuttavia, sempre secondo O Globo, l'attuazione del piano del governo per l'estradizione dipende da se l'arresto verrà confermato anche dalla Corte suprema federale (Stf), alla quale ha presentato ricorso in appello la difesa di Battisti. Se la Stf emettesse un'ingiunzione, Battisti non potrebbe essere imbarcato su un aereo della polizia brasiliana diretto in Italia.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

PyeongChang 2018, si chiudono le 'Olimpiadi della pace'. Ma il dialogo continua

Dopo la tregua olimpica il sogno della riunificazione diventerà realtà?

Xi Jinping presidente senza limiti: la Cina vuole cambiare la Costituzione

Il partito vuole eliminare la clausola che prevede lo stop dopo due mandati consecutivi. Così Xi diventa più potente di Mao

Siria, attacchi aerei a Al-Ghutah

Siria, ok alla tregua. Ma le ong denunciano: "Ancora bombe su Ghouta"

Il Consiglio di sicurezza dell'Onu ha approvato la risoluzione all'unanimità, ma il regime continua ad attaccare la roccaforte dei ribelli