Mercoledì 02 Novembre 2016 - 17:30

Il fisco spagnolo indaga su Alexis Sanchez: evasione da 1 milione

Ombre sull'attaccante dell'Arsenal durante la sua permanenza in Liga

Il fisco spagnolo indaga su Alexis Sanchez: evasione da 1 milione

Dopo Messi, Neymar, Mascherano, Eto'o e Adriano, anche Alexis Sanchez finisce nel mirino del fisco spagnolo. L'attaccante dell'Arsenal è sospettato di aver evaso quasi un milione di euro durante la sua permanenza in Liga, dove ha vestito la maglia del Barcellona. Il periodo, riferisce il giornale 'El Periodico de Catalunya', riguarderebbe la stagione 2012-2013. Secondo il giudice, il cileno non avrebbe versato l'imposta sui suoi diritti di immagine: avrebbe trasferito invece l'importo alla Numidia Trading, società con base a Malta e di proprietà al 99 per cento proprio del giocatore. Sanchez avrebbe evaso 587.677 euro di imposte nel 2012 e 395.766 euro nel 2013. L'ex Udinese ha militato nella squadra blaugrana tre stagioni, prima di trasferirsi a Londra nel 2014.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Euro Under 21, Pellegrini ci crede e sprona l'Italia: Destino è nelle nostre mani

Euro Under 21, Pellegrini ci crede e sprona l'Italia: Destino è nelle nostre mani

Dopo la pesante sconfitta con la Repubblica Ceca, la squadra volta pagina e si prepara alla sfida con la Germania

Berlusconi: Donnarumma? Farei di tutto per non lasciarlo partire

Berlusconi: Donnarumma? Farei di tutto per non lasciarlo partire

"Ma bisogna anche capire un ragazzo che ha la possibilità di guadagnare 100 milioni... Chi di noi non si comporterebbe come lui?"

Euro U21, Rep. Ceca piega Italia 3-1: semifinale lontana

EuroU21, Repubblica Ceca piega Italia 3-1: semifinale lontana

Dopo la vittoria dell'esordio contro la Danimarca doccia fredda per gli azzurrini di Gigi Di Biagio

Milan, Mihajlovic 'consiglia' Donnarumma: Gigio? Rimanga dove lo amano

Milan, Mihajlovic 'consiglia' Donnarumma: Rimanga dove lo amano

"Per me deve restare con i rossoneri, per riconoscenza e perché gli hanno offerto un buon contratto"