Mercoledì 02 Novembre 2016 - 17:30

Il fisco spagnolo indaga su Alexis Sanchez: evasione da 1 milione

Ombre sull'attaccante dell'Arsenal durante la sua permanenza in Liga

Il fisco spagnolo indaga su Alexis Sanchez: evasione da 1 milione

Dopo Messi, Neymar, Mascherano, Eto'o e Adriano, anche Alexis Sanchez finisce nel mirino del fisco spagnolo. L'attaccante dell'Arsenal è sospettato di aver evaso quasi un milione di euro durante la sua permanenza in Liga, dove ha vestito la maglia del Barcellona. Il periodo, riferisce il giornale 'El Periodico de Catalunya', riguarderebbe la stagione 2012-2013. Secondo il giudice, il cileno non avrebbe versato l'imposta sui suoi diritti di immagine: avrebbe trasferito invece l'importo alla Numidia Trading, società con base a Malta e di proprietà al 99 per cento proprio del giocatore. Sanchez avrebbe evaso 587.677 euro di imposte nel 2012 e 395.766 euro nel 2013. L'ex Udinese ha militato nella squadra blaugrana tre stagioni, prima di trasferirsi a Londra nel 2014.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

GER, FC Bayern Muenchen vs SG Sonnenhof Grossaspach

Calciomercato, Inter-Barça accordo per Rafinha. Chelsea su Dzeko e Emerson

Il Napoli continua a pensare a Matteo Politano del Sassuolo. Tra gli allenatori Prandelli ha chiuso l'esperienza negli Emirati Arabi

Barcellona vs Deportivo La Coruna - Liga 2016/2017

Calciomercato, Inter insiste per Rafinha. Walcott all'Everton

Dopo l'arrivo di Lisandro Lopez Suning, il direttore sportivo vuole regalare un altro rinforzo a Luciano Spalletti

Champions League - SSC Napoli vs Feyenoord

Calciomercato, Napoli: Deulofeu scende, Politano sale. Maksimovic la chiave

Dopo il rifiuto di Verdi non resta che virare su altri obiettivi

Morte Ciro Esposito: 'Ciao eroe', striscione davanti autolavaggio dove lavorava

Calciatori nel mirino dei violenti. E il razzismo è l'arma prevalente

Uno studio dell'Osservatorio dell'Aic. Spesso sono gli stessi sostenitori della squadra a minacciare. Intimidazioni in lieve calo. Tommasi: "Restiamo in guardia"