Mercoledì 15 Giugno 2016 - 12:00

Il debito pubblico tocca un nuovo record: ad aprile 2.230,8 miliardi

I dati di Bankitalia sul primo quadrimestre

Il debito pubblico tocca un nuovo record: ad aprile 2.230,8 miliardi

Il debito pubblico italiano tocca un nuovo record storico in aprile. Nel mese, riferisce la Banca d'Italia, il debito delle amministrazioni pubbliche è aumentato di 2,1 miliardi di euro, a 2.230,8 miliardi. A marzo si attestava a 2.228,7 miliardi. L'incremento del debito, spiega via Nazionale, è stato inferiore al fabbisogno del mese (7,8 miliardi), grazie alla riduzione di 5,2 miliardi delle disponibilità liquide del Tesoro (a fine aprile pari a 64,7 miliardi; 83,1 miliardi nello stesso periodo del 2015) e all'effetto complessivo dell'emissione di titoli sopra la pari, della rivalutazione dei titoli indicizzati all'inflazione e della variazione del cambio dell'euro (0,5 miliardi).

Con riferimento ai sottosettori, il debito delle amministrazioni centrali è aumentato di 1,7 miliardi, quello delle Amministrazioni locali è aumentato di 0,4 miliardi; il debito degli enti di previdenza è rimasto sostanzialmente invariato.

Quanto alle entrate tributarie, nel primo quadrimestre del 2016 sono state complessivamente pari a 118,5 miliardi di euro, superiori di 3,3 miliardi, o del 2,9 per cento, rispetto a quelle relative allo stesso periodo dell'anno scorso. Le entrate tributarie contabilizzate nel bilancio dello Stato sono state pari ad aprile a 28,9 miliardi, in leggero calo dai 29,5 miliardi nello stesso mese del 2015.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Antitrust, al via al 13mo convegno a Treviso

L'Antitrust: "No a blocco di Fb e Google, ma lotta alle pratiche scorrette"

Il presidente Pitruzzella illustra gli obiettivi dell'Autorità e le nuove battaglie da combattere

Ikea expansion plans

Ikea ritira dal mercato la bicicletta Sladda: è pericolosa

Numerosi gli incidenti causati dalla rottura della cinghia di trasmissione

trattore

Allarme Eurispes: "Lavoro sommerso genera 300 miliardi l'anno, aumentano gli squilibri"

La fotografia di un Paese povero, fragile e dominato dalle disuguaglianze economiche

Federchimica assemblea 2017

Confindustria: "Preoccupati, non è chiaro dove siano risorse per promesse elettorali"

E sull'Europa: "Serve sostegno agli investimenti. No a battaglie inutili su decimali di flessibilità"