Lunedì 05 Giugno 2017 - 18:00

Il politologoTentoni: Italo-tedesco? Produrrà larghe intese

Il sistema elettorale potrebbe non produrre alcuna maggioranza

Il Costituzionalista Tentoni: Italo-tedesco? Produrrà larghe intese

Il sistema elettorale "italo-tedesco" in discussione alla Camera potrebbe non produrre alcuna maggioranza nel prossimo Parlamento. Con due partiti intorno al 30% (Pd, M5S) e due fra il 12 e il 15% (Lega, FI) potrebbe verificarsi un sostanziale pareggio, che impedirebbe la formazione dell'unica coalizione di governo oggi politicamente ipotizzabile: quella fra Renzi e Berlusconi. Attualmente, dunque, i partiti capaci di superare la soglia del 5% alla Camera sarebbero solo quattro (Fratelli d'Italia e Mdp paiono ancora sotto lo sbarramento). Non sarebbe andata diversamente neppure nel 2013 (politiche) e nel 2014 (europee).

Fermo restando che un diverso sistema elettorale può spingere una parte dei votanti a scegliere soluzioni alternative (per esempio, confluire sui partiti più grandi o - per contro - rafforzare quelli che rischiano di non arrivare al 5%), abbiamo simulato l'effetto delle nuove norme sugli ultimi due appuntamenti politici nazionali. Nel 2013 i partiti con almeno il 5% dei voti erano Pd (25,4%: con la nuova legge avrebbe avuto 199 seggi), M5S (25,6%, 194 seggi), Pdl (21,6%, 164 seggi) e Scelta Civica (Monti: 8,3%, 64 seggi). Il resto sarebbe andato a Svp (5) e ad altri gruppi minori (1 UV, 3 a partiti degli italiani all'estero). Poichè, come si è visto nel 2013, il M5S non sarebbe stato disposto ad allearsi col Pd, l'unica coalizione possibile sarebbe stata quella fra Pd e Pdl: 363 seggi (la maggioranza minima è 316). Probabilmente sarebbe entrata nelle "larghe intese" anche Scelta Civica, come in effetti accadde, col governo Letta. Quel governo, però, nel 2013, nacque perchè i voti mancavano a Palazzo Madama, non a Montecitorio dove il Pd e Sel avevano vinto il premio dei 340 seggi messo in palio dal "Porcellum". Col meccanismo attuale, invece, non ci sarebbe stata maggioranza diversa da Pd-Pdl neanche alla Camera. Il discorso non sarebbe cambiato neppure nel 2014, nonostante la larga affermazione del Pd (40,8% dei voti). Il partito di Renzi avrebbe ottenuto 304 seggi, contro i 154 del M5S, i 121 di Forza Italia, i 44 della Lega Nord, i 5 della SVP e due di partiti minori. Escludendo la combinazione Pd-M5S sarebbe rimasta solo quella Pd-FI (425 seggi). C'è poi un altro aspetto importante da sottolineare. La ripartizione dei seggi in Trentino-Alto Adige, Valle d'Aosta e circoscrizione Estero non rientra nel meccanismo nazionale. Quindi, se ci sarà un pareggio fra Pd-FI da una parte e M5S-Lega dall'altra, a fare la differenza potrebbero essere i seggi altoatesini ed esteri, che di solito aiutano il Pd (anche grazie alla Svp, alleata). Si tratterebbe però, ad oggi, di una maggioranza Pd-FI-Svp che alla Camera potrebbe esistere solo per un pugno di voti.

Scritto da 
  • Luca Tentoni
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Paolo Gentiloni al Meeting di Rimini 2017

Terrorismo, Gentiloni: Nessuno salvo, non rinunceremo a libertà

All'indomani delle minacce Isis all'Italia, il premier e il ministro degli Affari Esteri parlano della sicurezza in Italia

Palazzo Chigi - Consiglio dei Ministri

Ius soli, Gentiloni riapre partita: Conquista di civiltà. Salvini: Follia

"Diventando cittadini italiani si acquisiscono diritti ma anche doveri", dice il premier. Durissima la risposa della destra

Ministero dell'Interno. Firma del "Patto nazionale per un Islam italiano"

Terrorismo, due marocchini e un siriano espulsi da Italia

Con questi rimpatri, 70 nel solo 2017, salgono a 202 i soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso espulsi

L'Italia piange Bruno e Luca. Mattarella: "Lotta al terrore"

La politica si stringe nel dolore delle famiglie