Domenica 30 Ottobre 2016 - 08:15

Il centro Italia trema ancora. Scossa di magnitudo 6.5 fra Perugia e Macerata. Non risultano vittime

E' il terremoto più forte in Italia dal 1980: surclassato il sisma di L'Aquila del 2009

Basilica di Norcia

Il centro Italia torna a tremare. Una scossa di terremoto di magnitudo 6.5 è stata avvertita  alle 7.40, l'epicentro è stato registrato nella zona compresa fra Macerata, Perugia e Ascoli Piceno, a 7 km da Castelsantangelo Sul Nera, 5 km da Norcia e 17 km da Arquata del Tronto. Il valore della magnitudo calcolata inizialmente in 6.1 e poi in 6.5, sottolinea l'istituto, è ancora suscettibile di modifica. La violenta scossa è stata avvertita anche a Roma. Le località prossime all'epicentro, spiega la Protezione civile, sono nuovamente Castelsantangelo, Norcia e Preci. Continuano le verifiche da parte della Di.coma.c e dei centri territoriali per verificare danni a persone o cose.

CURCIO: NESSUNA VITTIMA. A confermare che, per il momento, non risultano vittime, è stato il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio incontrando la stampa dopo una riunione a Rieti. Ci sono invece una decina di feriti lievi. "Ci sono problemi di viabilità dappertutto. La viabilità è fortemente compromessa, per gli aiuti bisogna muoversi attraverso i canali istituzionali per non intasare le strade", ha spiegato Curcio dicendo che "siamo in grado di gestire la situazione". 

LA SCOSSA PIU' FORTE DAL 1980. La scossa è una delle piuùforti dell'ultimo secolo in Italia, sicuramente quella con la magnitudo maggiore dal 1980, anno del terremoto in Irpinia, a oggi, surclassando persino il sisma dell'Aquila del 2009. Per ritrovare una magnitudo di 6.5, registrata oggi dall'Ingv, bisogna andare per l'appunto al 1980, quando una scossa di identica magnitudo devastò i comuni tra il Vulture e l'Irpinia causando oltre 2.900 vittime. Il terremoto dell'Aquila, pur così distruttivo, aveva una magnitudo leggermente inferiore, pari a 6.3. Altri terremoti di potenza intorno al grado 6 negli ultimi decenni furono quello in Molise (2002), con magnitudo 5.8, in Pianura Padana (2012) di magnitudo 5.9 e quello di pochissimi giorni fa, sempre tra Umbria e Marche, con magnitudo 5.9.

ANCORA CROLLI E CEDIMENTI. Dopo l'ultima scossa di terremoto è crollata la basilica di S.Benedetto a Norcia. Il campanile è venuto giù, mentre è rimasta in piedi parte la facciata. Davanti alle macerie ci sono molti fedeli inginocchiati per pregare. A Gualdo, Castelsantengelo di Nero e nella frazione di Nocelleto, dopo la forte scossa di stamane, ci sono nuovi danni. A Norcia, in pieno centro, alcune suore corrono verso un luogo sicuro e vengono aiutate dai vigili del fuoco a scappare dall'edificio dove si trovavano. Nella centralissima piazza dedicata a San Benedetto da Norcia, patrono d'Europa, ci sono nuove crepe a terra e si teme per la caduta del campanile. 

RENZI IN CONTATTO CON CURCIO. Il presidente del Consiglio Matteo Renzi è in contatto con il Capo della Protezione Fabrizio Curcio che, in questo momento, si trova a Rieti dove ha riunito i vertici nella sala operativa della Dicomac. Il premier ha sentito anche i governatori di Marche e Umbria, Luca Ceriscioli e Catiuscia Marini. Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, appresa la notizia mentre si trova a Gerusalemme, ha avviato i contatti con Roma ed è costantemente informato sugli sviluppi.

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Saronno, tace primario pronto soccorso. Parla medico esposto anonimo

Saronno, tace primario pronto soccorso. Parla medico esposto anonimo

Senza sosta il lavoro degli investigatori che indagano sulle morti sospette all'ospedale del comune lombardo

Meningite

Milano, entro Natale vaccinati per meningite 140 studenti Statale

Sono venuti a contatto con le due studentesse morte

Montagna

Torino, due escursionisti muoiono in Val Susa

Difficili le operazioni di recupero