Mercoledì 12 Ottobre 2016 - 15:00

Il 60% genitori di bimbi malati di diabete si sente oppresso

I giovani sostengono invece di non vivere con imbarazzo il proprio disturbo

Il 60% dei genitori di bimbi malati di diabete si sente "oppresso"

La principale preoccupazione per i genitori di un bambino con diabete? La riduzione del livello di zuccheri nel sangue e le crisi di ipoglicemia. È questo il vero incubo per 7 genitori italiani su 10, secondo l'indagine internazionale Dawn Youth promossa dalla International Diabetes Federation (IDF) e dalla International Society for Pediatric and Adolescent Diabetes (ISPAD), con il contributo di Novo Nordisk, e condotta su circa 7mila bambini e ragazzi con diabete, sui loro genitori e sugli operatori sanitari. Genitori che, in 6 casi su 10, si sentono in qualche modo "oppressi" dalla malattia del figlio; in 1 caso su 2 (47%) dichiarano di avere avuto per questo motivo ripercussioni negative sul lavoro, e per il 33% denunciano un impatto economico da moderato a forte sul proprio bilancio familiare. Più positivi, invece, i diretti interessati, ossia i bambini e gli adolescenti con diabete, che nella stragrande maggioranza dei casi (93%) dichiarano che la malattia non ha mai causato, se non di rado, imbarazzo, e che nel 95% dei casi pensano di non sentirsi mai, o solo qualche volta, discriminati o limitati nelle proprie relazioni sociali e godono complessivamente di una buona qualità di vita. Anche se 3 giovani su 4 confessano che raramente il loro diabete è sotto controllo. Secondo i dati della Siedp, sono 18mila i bambini e gli adolescenti colpiti in Italia dal diabete tipo 1, la forma più grave della malattia che richiede la somministrazione dell'insulina, attraverso iniezioni da quattro a sei volte al giorno oppure l'impiego del microinfusore.

"Che la paura di episodi di ipoglicemia, in particolare quelli notturni, nei propri figli preoccupi oltremodo i genitori non stupisce", spiega Fortunato Lombardo, coordinatore del gruppo di studio sul diabete della Società italiana di endocrinologia e diabetologia pediatrica (Siedp). "Il numero di giovani e bambini con diabete tipo 1 è in crescita, particolarmente nella fascia di età inferiore ai 6 anni. Soprattutto, esiste un'importante percentuale di giovani, circa il 30%, a cui la malattia viene diagnosticata solo quando si manifesta la chetoacidosi, una grave crisi dovuta all'impossibilità dell'organismo di utilizzare il glucosio come fonte energetica - per mancanza di insulina - che viene quindi sostituito con i grassi. Infatti, frequentemente i sintomi iniziali del diabete in un bambino sono spesso confusi con altre malattie", aggiunge Franco Cerutti, presidente Siedp.

Ai bambini tra i 3 e gli 8 anni con diabete tipo 1 è dedicata una nuova app - Pancry Life, ideata da AGDI Italia. Pancry Life è la prima applicazione di tale genere progettata per iOS e Android (già disponibile per l'installazione su Apple Store e Google Play) e si pone a metà strada tra il gioco elettronico e lo strumento educativo. Attraverso il gioco il bambino costruisce il proprio 'avatar' e inizia l'avventura interattiva con l'aiuto di un simpatico personaggio parlante: Pancry, che lo aiuta e affianca in tutti i momenti cruciali del gioco, prettamente incentrato sulle azioni giornaliere per tenere sotto controllo e trattare il diabete.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Stress ossidativo, come combattere i danni dei raggi solari

Stress ossidativo, come combattere i danni dei raggi solari

I consigli del chirurgo Mirko Manola per preparare la pelle all'esposizione

I bambini piangono di più in Italia e Gb, meno in Germania

I neonati italiani sono più 'piagnoni' dei tedeschi

Lo afferma uno studio dell'università di Warwick

Hiv, professor Poli: Più fondi alla ricerca, Aids è ancora emergenza

Professor Poli: Più fondi a ricerca, Aids è ancora emergenza

Trent'anni fa fu approvato il primo farmaco contro il virus ma per gli studiosi c'è ancora tanta strada da fare

Il ministero della Salute lancia l'allarme sull'aumento del morbillo: Da gennaio +230%

Morbillo, il ministero della Salute lancia l'allarme: Aumento del 230%

Lorenzin: "Bisogna promuovere un'ulteriore campagna di responsabilizzazione sui vaccini"