Venerdì 24 Novembre 2017 - 09:15

Igor il Russo è ancora ricercato, cinque indagati per il favoreggiamento del killer di Budrio

Proseguono le indagini per trovare l'uomo autore di due omicidi avvenuti otto mesi fa nel Ferrarese. Sono spuntati i nomi di alcune persone che lo avrebbero aiutato durante la fuga

Igor il Russo è ancora ricercato. Dopo otto mesi dall'omicidio del barista di Budrio Davide Fabbri e della guardia ecologica volontaria Valerio Verri, la sua fuga continua. E continuano le indagini per capire chi ha aiutato l'omicida a scappare nelle paludi tra Budrio, Consandolo, Argenta e Molinella, da aprile scorso.

La procura di Bologna è impegnata a ricostruire la rete di contatti di Igor che potrebbero averlo aiutato a fuggire. Lo scrive Repubblica. Le ricerche si sono focalizzate sul passato dell'uomo: sono spuntate fuori vecchi amicizie e i magistrati si stanno concentrando su un elenco di nomi che potrebbero conoscere la fuga e gli spostamenti di Igor.

Per la procura sarebbero almeno cinque i sospettati di aver favorito o coperto la latitanza di Igor. Si tratta di piccoli criminali italiani e stranieri dediti a furti, ricettazione e spaccio di basso livello, gravitanti attorno ai vari campi nomadi (di etnia Sinti e slava) disseminati nel Ferrarese.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

REALI DI SAVOIA

Savoia, la salma della regina Elena torna in Italia

Elena di Savoia visse mezzo secolo, dedicato a opere caritatevoli e filantropiche, che le fecero meritare la Rosa d'Oro della Cristianità

Da operaio a rubagalline fino a diventare un killer: ecco chi è 'Igor'

L'ex soldato è arrivato in Italia nel 2005, prima lavora poi inizia a delinquere

Roma,Movimenti per la Casa contro lo spettacolo di Beppe Grillo al Teatro Flaiano

Coniugi uccisi a Viterbo: fermato il figlio a Ventimiglia

I corpi delle vittime erano stati trovati avvolti nel cellophane dall'altra figlia della coppia

Arrestato Igor, l'assassino spietato di Budrio: era in Spagna

Era ricercato da mesi. Fermato dopo un conflitto a fuoco in cui ha ucciso tre persone