Venerdì 04 Novembre 2016 - 15:00

Hrw: Da polizia Belgio abusi e violenze in operazioni terrorismo

Alcuni fermati sarebbero stati chiamati 'sporco arabo'

Human Rights Watch: Da polizia Belgio abusi e violenze in operazioni antiterrorismo

La polizia belga è andata giù con la "mano pesante" nei raid a seguito degli attentati che hanno colpito il Paese, raid accompagnati da leggi emergenziali che hanno consentito abusi e rischiano di provocare una frattura con le comunità islamiche. È l'allarme lanciato da Human Rights Watch in un rapporto secondo il quale le operazioni di sicurezza in diverse occasioni sono sfociate in episodi di "violenza fisica e verbale" contro persone sospettate di legami col terrorismo che sono state poi rilasciate senza accuse. 

Dall'attentato al museo ebraico di Bruxelles del maggio 2014, le autorità belghe hanno arrestato 43 persone e ne hanno incriminate altre 72, secondo i dati del ministero della Giustizia. Ma in 26 casi individuati da Hrw, le persone interrogate spiegano di essere state insultate con appellativi come 'sporco arabo' o 'sporco terrorista' e in dieci denunciano di aver subito anche violenza. Tra queste, solo una è stata formalmente accusata di terrorismo e si è trattato di un caso di errore di identità. Diversi hanno perso il lavoro a causa del fatto che il loro nome è finito sui giornali associato col terrorismo. Tra gli arrestati, alcune delle persone trattenute sono rimaste in isolamento per dieci mesi. In due casi tutte le misure di isolamento più dure sono state adottate nonostante uno dei due detenuti avesse tentato il suicidio e l'altro avesse iniziato a parlare coi muri.

Nel rapporto di 56 pagine, che si intitola 'Materia di preoccupazione: le risposte antiterrorismo in Belgio agli attacchi di Parigi e Bruxelles', Human Rights Watch passa in rassgna le nuove norme che consentono una prolungata detenzione in isolamento e permettono al Governo di sospendere passaporti sulla base di intercettazioni telefoniche ed email senza l'approvazione di un giudice. Gli attentati, rivendicati dall'Isis, hanno provocato la morte di 130 persone a Parigi e 32 a Bruxelles. "Il Belgio ha lavorato duramente per prevenire ulteriori attentati - spiega Letta Tayler, autrice del rapporto - ma le sue risposte normative e politiche sono state minate dalla loro natura strabordante e a volte sfociante nell'abuso. Condividiamo lo sdegno e il dolore e vogliamo che i responsabili siano portati davanti alla giustizia. Ma i pesanti raid della polizia rischiano di allontanare le comunità la cui cooperazione può aiutare ad affrontare la minaccia".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Attentato Barcellona, continua l'omaggio floreale per le vittime

Barcellona, autista killer in fuga in Francia. Catalogna precisa: cellula non smantellata

Si tratterebbe di Younes Abouyaaqoub, cittadino marocchino di 22 anni. Identificata la terza vittima italoargentina, Carmen Lopardo

Mondiali 2014, allenamento della Nazionale portoghese

Brasile, turista italiano pugnalato e ucciso dopo festino: 3 arresti

L'omicidio è avvenuto nella Regione dei Grandi Laghi, a 180 chilometri nord di Rio

Finlandia: preghiere e candele per le vittime dell'attacco

Finlandia, è terrorismo: preso marocchino. Italiana tra i feriti

L'attentatore è ferito in ospedale, arrestati altri quattro complici. "Punatava lale donne"

Barcellona, padre di Bruno: "Mio nipote salvo per mia nuora"

Il racconto del papà di Gulotta, il 35enne italiano morto nell'attentato terroristico sulle Ramblas: "Mi sento vuoto"