Sabato 15 Luglio 2017 - 13:45

Hawaii, fiamme al 26esimo piano di un grattacielo a Honolulu

Tre persone sono morte e 12 sono rimaste ferite

Hawaii, fiamme al 26esimo piano di un grattacielo a Honolulu

Tre persone sono morte e dodici sono rimaste ferite per le inalazioni di fumo a causa di un incendio al grattacielo Marco Polo di Honolulu nelle Hawaii. Oltre cento pompieri e un elicottero sono stati impiegati per spegnere le fiamme. Il fuoco è divampato al ventiseiesimo piano del grattacielo di 36 piani. Le fiamme al grattacielo sono state domate attorno alle 18.30 locali dopo quattro ore. Il sindaco di Honolulu, Kirk Caldwell, ha parlato in conferenza stampa di "situazione tragica". Dai vigili del fuoco emerge che l'edificio non aveva impianto di irrigazione anti-incendio. "Se ci fosse stato, senza dubbio l'incendio sarebbe stato contenuto all'unità di origine, dove le fiamme sono iniziate", ha dichiarato il capo dei vigili del fuoco, Manuel Neves. I pompieri hanno lanciato acqua sul palazzo dall'esterno e hanno controllato l'incendio quattro ore dopo che si era sviluppato.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

A fire is seen in Manhattan, New York

New York, incendio in un palazzo di sette piani a Manhattan

È successo nella zona di Hamilton Height. Almeno 5 feriti

Terrorismo, Isis minaccia cristiani con foto Papa decapitato

Un messaggio di minaccia contro "i fedeli della croce"

Attentato Barcellona, gli oggetti in memoria delle vittime saranno trasferiti al Museo di Storia

Attentati Catalogna, la mente era un informatore dei servizi segreti

La rivelazione del quotidiano El Pais, confermata da Madrid. Si tratta dell'Imam di Ripoll: Abdelbaki Es-Satty

A protestor holds the Catalan flag as he awaits the arrival of sacked Catalan President Carles Puigdemont at court in Brussels

Catalogna, rinviata decisione su estradizione Puigdemont, udienza il 4/12

I mandati europei sono stati spiccati per sedizione, ribellione, malversazione, disobbedienza e prevaricazione