Giovedì 31 Agosto 2017 - 09:30

Harvey, due esplosioni nella centrale chimica sommersa

Danni agli impianti di raffreddamento della Arkema SA a Corby, a 40 km da Houston

L'uragano Harvey si abbatte sugli Stati Uniti

Fumo e due esplosioni nello stabilimento chimico dell'Arkema SA a Crosby, in Texas. Come ci si aspettava, la fabbrica, travolta dalle inondazioni della tempesta Harvey, ha riportato danni che hanno impedito il raffreddamento dei materiali, causando così due scoppi, come confermato dalla società.

 

"Vogliamo che i residenti della zona siano consapevoli del fatto che il prodotto chimico è immagazzinato in diversi posti all'interno dello stabilimento e che permane quindi il rischio di ulteriori esplosioni", ha riferito l'Arkema in una dichiarazione. La società invita quindi le persone che sono state evacuate nelle scorse ore a non fare ritorno nelle loro abitazioni fino a che non sarà rientrata l'emergenza. La tempesta tropicale che finora ha causato oltre 37 morti e migliaia di sfollati.

Loading the player...
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

L'astronauta Alan L. Bean , pilota del modulo lunare , fotografato durante l 'attività extraveicolare sulla luna - Le foto fu fatta dal comandante Charles Conrad jr.

Addio a Alan Bean, quarto uomo sulla Luna

E' morto in Texas all'età di 86 anni. Partecipò alla missione Apollo 12

Coree, incontro a sorpresa Kim-Moon. Summit con Trump ancora possibile

Si sono riuniti per la seconda volta (la prima era stata il mese scorso) a Panmunjom, villaggio che si trova nella zona demilitarizzata nota come Dmz

Libia, Fayez al-Sarraj parla con i giornalisti a Tripoli

Libia, le milizie: "Abbiamo preso i palazzi del potere a Tripoli"

Gli attivisti sui social riferiscono si tratti delle brigate Halbous, dei rivoluzionari e Ghaniwa. Ma il governo smentisce

Irlanda, domani il paese alle urne per il referendum sull'aborto

Storica svolta in Irlanda: sì al referendum sull'aborto

Il 66,4% degli elettori ha votato a favore dell'abrogazione del divieto costituzionale dell'interruzione volontaria di gravidanza. L'affluenza si è attestata al 64,1%