Mercoledì 15 Marzo 2017 - 11:15

Hacker pro Turchia in account Twitter: tra questi Juppé e Forbes

Nei falsi post sono comparsi messaggi di sostegno al governo di Ankara e gli hashtag #Nazialmanya e #Nazihollanda

Hacker pro Turchia attaccano account Twitter: tra questi Juppé e Forbes

Molti account Twitter sono stati hackerati stamattina e vi sono comparsi numerosi messaggi contro il nazismo scritti in turco, in apparente sostegno al governo di Ankara nella disputa con l'Olanda. Nell'ambito della crisi diplomatica Turchia-Olanda cominciata sabato, il presidente turco Recep Tayyp Erdogan ha ripetutamente accusato il Paese europeo di nazismo.

Fra gli account hackerati ci sono quello del Parlamento europeo, quello personale del politico francese Alain Juppé, nonché quelli del dipartimento britannico della sanità e di Bbc North America. In questi ultimi però la situazione è poi tornata sotto controllo. Colpiti anche gli account di Reuters Japan, Die Welt e Forbes, nonché quelli di diverse agenzie no-profit come Amnesty International e Unicef Usa. Negli attacchi informatici sono stati utilizzati gli hashtag #Nazialmanya e #Nazihollanda e diffusi messaggi come "Ci vediamo il 16 aprile", in riferimento alla data del referendum costituzionale turco.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Il presidente Trump alla cerimonia del Gold Medal- Washington

Trump assegna 'Premi per le fake news': vince 'The New York Times'

L'idea del presidente Usa: sul secondo gradino del podio 'ABC News' e al terzo posto ecco la 'CNN'

Medioriente, esercito Israele uccide palestinese sospettato omicidio rabbino

Raid su Jenin. Aveva 22 anni ed era figlio di un militante di Hamas ucciso nella seconda Intifada

Australia, per la prima volta un drone salva la vita a due nuotatori

I giovani in difficoltà dopo esser stati sorpresi da onde alte tre metri

Papa Francesco in visita a Maip

Internet e rock band: così Francesco spiega il Vangelo ai giovani

Bergoglio ai giovani arrivati da tutto il Cile per salutarlo al santuario di Maipù