Mercoledì 03 Gennaio 2018 - 15:30

Guai per Spotify: citazione per violazione copyright da 1,6 miliardi di dollari

Wixen Music Publishing punta il dito contro il colosso dello streaming musicale

Spotify royalties

In attesa di sbarcare a Wall Street, Spotify si trova a fare i conti con una citazione in giudizio da "almeno 1,6 miliardi di dollari". A tanto ammonta la richiesta avanzata presso il tribunale distrettuale centrale della California da Wixen Music Publishing nei confronti del gruppo svedese dello streaming musicale, al lavoro in queste settimane - secondo quanto riportato nei giorni scorsi dal Wall Street Journal - per la quotazione presso la Borsa di New York, che sarebbe attesa nei primi mesi del 2018 e per la quale sarebbe già stata avanzata richiesta alla Sec, l'autorità americana di controllo dei mercati. L'editore musicale indipendente fondato nel 1978 da Randall Wixen, che amministra oltre 50mila canzoni scritte da artisti di caratura internazionale come Tom Petty, Missy Elliot, Stevie Nicks e Neil Young, accusa Spotify di aver "volontariamente" infranto i diritti d'autore relativi a una serie di composizioni musicali, secondo quanto riportato nel documento presentato alla corte lo scorso 29 dicembre.

Il servizio di streaming è stato lanciato negli Stati Uniti nel luglio del 2011 e da allora è cresciuto fino a raggiungere i 140 milioni di utenti attivi e i 60 milioni di abbonati, segnala Wixen Music, puntando il dito sui 3,3 miliardi di ricavi realizzati da Spotify nel solo 2016 grazie a "una vasta raccolta musicale di oltre 30 milioni di canzoni popolari". Nella ricostruzione presentata da Wixen Music, la società avrebbe però imboccato una "scorciatoia", stringendo accordi con le principali etichette per ottenere i diritti di registrazione sulle canzoni, senza però riuscire a ottenere i diritti equivalenti per le composizioni.

"Di conseguenza - si legge quindi nel documento -, Spotify ha costruito un business miliardario sulle spalle degli autori e degli editori la cui musica sta utilizzando, in molti casi senza ottenere e pagare le licenze necessarie". Secondo quanto riferito da 'Variety', la stessa Spotify avrebbe risposto alla citazione chiedendo alla corte di accertare se i clienti della Wixen avessero autorizzato la compagnia a promuovere l'azione, sostenendo che l'editore avrebbe concesso agli artisti solo un periodo molto breve per chiamarsi fuori prima che i loro nomi fossero inseriti nella causa.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Foto tratta dalla pagina Facebook degli I-Days

I Pearl Jam tornano a Milano: la voce manca, le emozioni no

Eddie Vedder chiede un aiuto speciale al pubblico: "Stavolta fate anche voi parte della band". E i 60mila non si tirano indietro

Il tour di Jovanotti sbarca a Londra e chiude col video 'Viva la libertà'

Per Lorenzo sarà la prima volta in un palazzetto dello sport del Regno Unito. Prima della Wembley Arena, tappa a Bruxelles

Bruxelles, conferenza stampa del commissario Malmstrom sui dazi Usa

Moto, barche, Levi's e trucchi. Ecco i dazi europei sui prodotti Usa

Scattati dalla mezzanotte. Variano dal 10 al 25 per cento. Riguardano circa 200 categorie. Si va dal burro d'arachidi al fondotinta, dalle carte da gioco a succo d'arancia

La Grecia promossa dall'Eurogruppo: dopo 8 anni finisce la crisi, ok al taglio del debito

La decisione dopo una lunga maratona. Allungate di 10 anni le scadenze dei prestiti. Moscovici: "È un momento storico"