Lunedì 08 Gennaio 2018 - 21:30

Guai per Apple: Parigi apre un'inchiesta sul rallentamento degli iPhone

L'ipotesi è che il colosso di Cupertino abbia volontariamente programmato un precoce invecchiamento dei dispositivi

iPhone X in vendita a New York

La procura di Parigi ha aperto un'inchiesta preliminare su Apple, per il sospetto di "obsolescenza programmata" di alcuni modelli di iPhone. La compagnia statunitense è accusata di aver ridotto volontariamente le prestazioni degli smartphone.

L'indagine, aperta il 5 gennaio e affidata al servizio nazionale inchieste della Direzione generale della concorrenza del consumo e della repressione delle frodi (DGCCRF), ipotizza anche sia stata commessa "frode".

Il 27 dicembre l'associazione Halte à l'obsolescence programmée (HOP) aveva denunciato Apple, accusandola di aver ridotto volontariamente le performance e la durata di vita dei suoi smartphone attraverso i sistemi di aggiornamento.

Apple si era scusata con i clienti per il caso dei rallentamenti e aveva comunicato che chi è in possesso di un iPhone 6 e iPhone 6s, avrà la possibilità di sostituire la batteria del suo dispositivo al costo di 29 dollari invece degli attuali 79, a partire dalla fine di gennaio.

Loading the player...
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Collistar insieme al Fai: "Ti amo Italia, ti difenderemo e ti proteggeremo"

Il progetto riguarda la manutenzione delle aree verdi che circondano Villa Balbianello, sul lago di Como

Blue Monday, oggi è il giorno più triste dell'anno. I consigli per superarlo

Ecco qualche trucco per tornare a sorridere anche in questo 'drammatico' lunedì

Supercomputer, verso la frontiera degli exaflop. E' corsa tra Ue e Resto del Mondo

Sono i calcolatori da un miliardo di miliardi di operazioni al secondo, indispensabili per affrontare temi al top di mobilità, medicina, clima ecc. E si cerca di capire come costruire il necessario sostegno economico a livello europeo

U.S.-NEW YORK-APPLE-HEART DISEASE

Spectre e Meltdown, anche Apple deve ammettere: "Falle nei nostri sistemi operativi"

Il comunicato che spiega cosa è successo. Improbabile che qualcuno sia già entrato per questi "buchi". Già in atto le "patch". Ma il capo di Intel ha venduto le sue azioni