Lunedì 06 Giugno 2016 - 18:30

Gruppo hacker: Abbiamo violato profili social di Zuckerberg

La "rivendicazione" di un gruppo di pirati informatici chiamato 'OurMine'

Mark Zuckerberg

Hacker in azione contro gli account social di Mark Zuckerberg, il fondatore di Facebook. Un gruppo di pirati informatici chiamato 'OurMine', tramite il suo profilo Twitter, sostiene di essere riuscito a entrare ieri negli account di Zuckerberg su Twitter, Instagram, LinkedIn e Pinterest. In uno screenshot dell'account Pinterest di Zuckerberg pubblicato su Twitter dallo sviluppatore Ben Hall, si vede un messaggio scritto al fondatore del social network in cui si legge: 'Hey @finkd (l'account di Zuckerberg ndr), eri sul database Linkedin con la password 'dadada'!".
 

Secondo alcuni, a garantire l'accesso agli accounti di Zuckerberg sarebbe stato il furto di dati - fra cui appunto password - da un attacco hacker contro LinkedIn risalente al 2012, e altri sostengono anche che Zuckerberg abbia usato la stessa password per diversi siti. Molti degli account in questione sono relativamente inattivi: Zuckerberg non twitta dal 2012 e sul profilo Instagram ci sono solo 30 foto.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Bruxelles, Mark Zuckerberg al parlamento europeo

Facebook, Zuckerberg si scusa all'Ue. "No ingerenze in future elezioni"

Il fondatore del social network al Parlamento europeo. Tajani: "Monitoreremo"

Donald Trump riceve il presidente sudcoreano Moon Jae-in alla Casa Bianca

Nord Corea, Trump: "Possibile un rinvio del vertice con Kim"

L'incontro tra il presidente Usa e il leader nordcoreano è fissato per il 12 giugno a Singapore

Usa, il senato conferma Gina Haspel come direttore della CIA

Dazi, dopo la pace con gli Usa la Cina taglia tariffe su import auto

E intanto si avvicina la data in cui anche l'Unione Europea saprà la decisione di Trump

Siria, sette anni di guerra civile

Iraq, jihadista belga condannato a morte per appartenenza all'Isis

Nella prima udienza presso il tribunale di Baghdad si era dichiarato innocente