Venerdì 13 Ottobre 2017 - 16:15

Grillo bestemmia in un post sul blog: l'insulto subito cancellato

Il fondatore del M5S deride i partiti per l'accordo sulla legge elettorale e si scalda un po' troppo

Grillo bestemmia in un post sul blog: l'insulto subito cancellato

Una bestemmia nel bel mezzo del post di Beppe Grillo, intitolato 'Grazie a tutti, e forse anche a Dio' in cui il fondatore del M5S deride i partiti per l'accordo sulla legge elettorale approvata ieri alla Camera. Nel secondo paragrafo dell'intervento polemico compare tra parentesi l'insulto a Dio, poi cancellato. "I cittadini tutti, oggi, celebrano un miracolo italiano che si pensava appartenere oramai solo ad una azzardata e folle speranza (e qui si leggeva la bestemmia, ndr). Così si realizza l'impossibile, così oggi è divenuto realtà. Forze politiche da sempre avverse si sono unite, concentrando tutti i loro sforzi e le loro capacità di mediazione, per raggiungere un obiettivo primario e realizzare la volontà dei cittadini", scrive Grillo.
 

Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Università di Pavia - Inaugurazione dell'anno accademico

"Tempo scaduto". La sinistra va da sola alle elezioni. Lista Mdp-Si-Possibile

L'annuncio dopo l'incontro con Fassino: "Non c'è più margine". Grasso candidato? Lui precisa: "Non ho sciolto la riserva"

5-Star Movement member Di Battista speaks to supporters in front of Montecitorio palace in Rome

M5s, Di Battista: "Niente staffette con Di Maio, voglio stare con mio figlio"

Il deputato spiega al Corriere della Sera perché ha scelto di non ricandidarsi in Parlamento

Silvio Berlusconi ospite a "Porta a Porta"

Berlusconi:"In campo con o senza sentenza Strasburgo. M5S vero pericolo"

Per il leader di Forza Italia il nemico da battere sono i Cinquestelle che "hanno un programma delirante basato sull'invidia per il ceto medio"

Matteo Renzi ospite di Porta a Porta

Renzi gela la sinistra: "No su art.18". E sfida Berlusconi in suo collegio

Apertura nei confronti di Pisapia e ai centristi di Alfano. Vede un giovane ricercatore a contendere il collegio di Luigi Di Maio