Lunedì 30 Gennaio 2017 - 09:00

Grasso: Mafia fu braccio armato di altri interessi, ancora non chiari

"Gli elementi per raggiungere le prove sono a conoscenza solo dei vertici dell'organizzazione, che non hanno collaborato con la giustizia"

Grasso: Mafia fu braccio armato di altri interessi, ancora non chiari

"S'intuisce che Cosa nostra possa essere stata il braccio armato di altri interessi: di una strategia politica; di tipo economico legati agli appalti pubblici; o di entità deviate rispetto alle proprie funzioni istituzionali. Purtroppo però non è stato possibile trovare le prove. Gli elementi per raggiungerle sono a conoscenza solo dei vertici dell'organizzazione, che non hanno collaborato con la giustizia". Lo afferma al Corriere della Sera il presidente del Senato, Pietro Grasso, venticinque anni dopo la sentenza della Corte di cassazione che rese definitive le condanne del maxiprocesso alla mafia.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Genova, crollo Ponte Morandi: le case evacuate della zona rossa sotto al ponte

Genova, M5S: "Forza Italia e Pd hanno favorito i concessionari autostradali"

Per i pentastellati "sono stati proprio i governi di centrodestra e centrosinistra a costruire un sistema insano"

Genova, crollo Ponte Morandi: le case evacuate della zona rossa sotto al ponte

Genova, Governo all'opera: studia 'piano Giorgetti' e dialoga con Fi

La proposta del sottosegretario alla presidenza del Consiglio: "Non riguarderà solo autostrade e ponti ma anche le scuole. Sarà un'operazione di manutenzione senza precedenti"

Genova, crollo Ponte Morandi: Matteo Salvini sul luogo del disastro

Ponte Genova, Salvini: "Votai rinnovo ad Autostrade ma altri non vigilarono. I privati hanno sbagliato"

E sulla questione relativa alla nazionalizzazione della società, il ministro ha risposto: "Guardando i bilanci sono d'accordo"

Genova, il giorno dopo il crollo del ponte

Genova, governo stanzia fondi e 'licenzia' Autostrade: parte battaglia legale

Sono 28 i milioni per l'emergenza che si vanno ad aggiungere ai cinque già assegnati