Venerdì 07 Aprile 2017 - 11:00

Gp Cina: libere sotto la pioggia, il miglior è Verstappen

Alle sue spalle le Williams di Felipe Massa (+1"595) e Lance Stroll (+2"016). Poi lo stop per il meteo

Gp Cina: libere sotto la pioggia, il miglior tempo è di Verstappen

 Si apre all'insegna del maltempo il weekend del Gran Premio della Cina di Formula 1. Nella prima sessione delle prove libere sul circuito di Shanghai sono scesi in pista solo una decina di piloti, mentre la seconda è stata annullata. Pioggia, nebbia e scarsa visibilità hanno infatti impedito il decollo dell'elicottero adibito per gli eventuali soccorsi. Il più veloce è stato Max Verstappen su Red Bull (1'50"491), nella prima sessione ritardata di ben 40 minuti e durata appena 20'. Alle sue spalle le Williams di Felipe Massa (+1"595) e Lance Stroll (+2"016). Nessun tempo invece per Lewis Hamilton (Mercedes) e le Ferrari di Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen: i tre sono tra i piloti che non sono riusciti a completare un giro cronometrato. Le condizioni difficili hanno portato all'uscita di pista di Hulkenberg, Magnussen e Grosjean. Il persistere del maltempo ha portato alla cancellazione della seconda sessione.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

MotoGp, Dovizioso trionfa in Austria davanti a Marquez

MotoGp, Dovizioso trionfa in Austria davanti a Marquez

Terzo Dani Pedrosa sull'altra Honda. Rossi settimo

MotoGp, Marquez in pole in Austria davanti alle Ducati, Rossi settimo

MotoGp, Marquez in pole in Austria davanti alle Ducati, Rossi settimo

Meglio del 'Dottore' ha fatto con l'altra Yamaha Maverick Vinales, quarto a mezzo secondo da Lorenzo

MotoGp in Austria, Marquez leader nelle terze libere: Rossi risale al quinto posto

MotoGp in Austria, Marquez leader nelle terze libere

Terzo a sorpresa Andrea Iannone a 484 millesimi dallo spagnolo

MotoGp, Rossi: Siamo stati sfortunati e un po' somari

MotoGp, Rossi: Siamo stati sfortunati e un po' somari

Quarto al traguardo: "Sono contento, stavolta la responsabilità non è tutta mia, ce la dividiamo..."