Venerdì 23 Giugno 2017 - 13:00

Gp Azerbaigian, Red Bull davanti a tutti in prime libere: Vettel terzo

Più indietro l'altro ferrarista Kimi Raikkonen, nono. Mercedes quinta e sesta

Gp Azerbaigian, Red Bull davanti a tutti in prime libere: 3° Vettel

C'è la coppia delle Red Bull al comando al termine della prima sessione di prove libere del Gran Premio d'Azerbaigian di Formula 1. Max Verstappen ha fatto segnare il miglior tempo in 1'44.410 precedendo il compagno di squadra Daniel Ricciardo di quasi mezzo secondo (+0.470). Terza piazza per la Ferrari di Sebastian Vettel, a 577 millesimi dall'olandese. Più indietro l'altro ferrarista Kimi Raikkonen, nono a oltre un secondo e mezzo (+1.590) e in pista solo con la gomma gialla, proprio come il tedesco. Le Mercedes di Lewis Hamilton e Valtteri Bottas si sono piazzate invece rispettivamente al quinto e sesto posto. Bene Sergio Perez, quarto seppur protagonista di un incidente (senza conseguenze) a pochi termini dalla fine della sessione che ha costretto gli organizzatori a esporre la bandiera rossa. Settima piazza per l'altra Force India di Esteban Ocon. Nella top 10 anche Felipe Massa, ottavo con la Williams, e Daniil Kvyat, decimo con la Toro Rosso.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

MotoGp, Dovizioso trionfa in Austria davanti a Marquez

MotoGp, Dovizioso trionfa in Austria davanti a Marquez

Terzo Dani Pedrosa sull'altra Honda. Rossi settimo

MotoGp, Marquez in pole in Austria davanti alle Ducati, Rossi settimo

MotoGp, Marquez in pole in Austria davanti alle Ducati, Rossi settimo

Meglio del 'Dottore' ha fatto con l'altra Yamaha Maverick Vinales, quarto a mezzo secondo da Lorenzo

MotoGp in Austria, Marquez leader nelle terze libere: Rossi risale al quinto posto

MotoGp in Austria, Marquez leader nelle terze libere

Terzo a sorpresa Andrea Iannone a 484 millesimi dallo spagnolo

MotoGp, Rossi: Siamo stati sfortunati e un po' somari

MotoGp, Rossi: Siamo stati sfortunati e un po' somari

Quarto al traguardo: "Sono contento, stavolta la responsabilità non è tutta mia, ce la dividiamo..."