Sabato 26 Maggio 2018 - 18:00

Governo, Salvini: "O si parte o non tratto più". Di Maio: "Chiudere in 24 ore"

Polemiche su Paolo Savona all'Economia. Macron chiama Conte

Luigi Di Maio presenta la squadra di Governo

"Mi rifiuto di andare avanti ancora per giorni con le trattative, o siamo in condizioni di lavorare o qualcuno se ne prenderà la responsabilità". Quello tra Matteo Salvini e il Quirinale può essere considerato a tutti gli effetti un 'braccio di ferro', con tanto di 'ultimatum' del leghista al capo dello Stato. Ormai l'oggetto del contendere è chiarissimo: il segretario federale vuole Paolo Savona al ministero dell'Economia, mentre il presidente della Repubblica continua a chiedere una soluzione alternativa all'economista con spiccate ideologie 'no euro'.

Il muro contro muro che sta animando le ultime, fibrillanti ore della fase politica italiana rischia seriamente di travolgere gli accordi di maggioranza con il Movimento 5 Stelle, trascinando con sé non solo il famoso 'contratto', ma tutto il governo. Anche il gruppo dirigente di via Bellerio sposa la linea della resistenza, schierandosi al fianco del suo leader, che annuncia: la lista dei ministri del partito è pronta e sarà consegnata nelle mani del premier incaricato, Giuseppe Conte. In questo modo il neo senatore lancia un segnale inequivocabile al Colle: "Non faccio una questione di nomi e cognomi, ma di rispetto del voto che gli italiani hanno espresso il 4 marzo". In poche parole, chi ha ottenuto i consensi delle urne hanno il diritto di esprimere le proprie preferenze sulla squadra di governo, al di là delle prerogative conferite dalla Costituzione al presidente della Repubblica. Salvini lamenta di averne fatti già troppi di passi indietro, dunque non farà un altro sulla candidatura di Savona: "Come in Italia nessuno ha mai eccepito su un ministro belga, tedesco o francese, è evidente che i ministri italiani non devono necessariamente avere il gradimento dei tedeschi, dei francesi o di chiunque altro".
 

Loading the player...

In questo esercizio di forza politica, a trovarsi nella condizione più scomoda (e forse imbarazzante) sono i Cinquestelle. Ufficialmente schierati al fianco del partner politico, ma senza alcuna voglia di rompere l'ottimo rapporto con Mattarella, costruito nella scorsa legislatura e rinsaldato in maniera ancora più decisa in questi oltre 80 giorni di crisi istituzionale.

Luigi Di Maio, comunque, sceglie parole speculari a quelle dell'alleato. "O si chiude la partita del governo entro 24 ore o non si chiude più. Abbiamo aspettato abbastanza, ora è il momento di lavorare", dice in un comizio a Terni. "Più ci attaccano e più sono motivato a farlo questo governo", aggiunge ancora. Sostegno totale anche a Giuseppe Conte. "È stato massacrato in 24 ore. Neanche noi siamo stati trattati così", il pensiero di Di Maio.

Il presidente del Consiglio incaricato, intanto, rimane impassibile ma non immobile, proseguendo nel lavoro di preparazione della squadra nella sala del Governo, messa a sua disposizione dalla Camera dei deputati. Tra i suoi incontri spicca quello con l'ex direttore degli Affari politici della Farnesina, Luca Giansanti, che diverse fonti parlamentari suggeriscono essere ora in pole position per il ruolo di ministro degli Esteri, dicastero per il quale sembrava 'intoccabile' Giampiero Massolo. Le voci di Palazzo indicano anche un possibile rimescolamento di un altro possibile posto chiave, quello degli Interni, riservato ormai da tempo proprio a Salvini. I rumors spiegano pure che si potrebbe trattare di una mera strategia politica in attesa che si riducano le asprezze tra il segretario leghista e il capo dello Stato.

Loading the player...

E via Facebook, il presidente del Consiglio incaricato, Giuseppe Conte, ha riferito di aver ricevuto nel pomeriggio "una telefonata dal presidente della Repubblica Francese Emmanuel Macron, il quale ha formulato i suoi migliori auspici per il governo che stiamo formando in Italia. Questa conversazione ha costituito l'occasione per un proficuo scambio sulle principali prospettive delle politiche economiche e sociali europee che coinvolgono i nostri due Paesi. Ci siamo lasciati con l'auspicio di poterci incontrare il prima possibile per discutere in dettaglio le varie questioni di comune interesse", ha concluso Conte.

Scritto da 
  • Dario Borriello
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Milano, Salvini al Gazebo della Lega per votare  il contratto di governo con M5s

Genova, la promessa di Salvini: "Nella prossima manovra soldi per messa in sicurezza del Paese"

Il ministro dell'Interno assicura: "Faremo una radiografia dell'Italia che soffre, bisogna intervenire prima"

Genova, Conte: "Revoca concessione ad Autostrade. Stato di emergenza per 12 mesi e 5 miliardi"

Anche Toninelli e Di Maio contro la società: "Vertici si dimettano, multe da 150 milioni". La replica: "Monitoraggio ogni 3 mesi. Dimostreremo adempimenti"

Genova, da Baroni (M5S) tweet contro grandi opere, poi lo rimuove. Web insorge: "Sciacallo"

Bufera sul deputato pentastellato. Pd: "Usa la sciagura per fare propaganda"

Vertice tra i 'big' del governo: "Impegno su debito". Scende lo spread

Telefonata tra Conte, Di Maio, Salvini e Tria. Il differenziale Btp-Bund in calo dopo aver toccato quota 278 punti base