Mercoledì 21 Giugno 2017 - 09:15

Governo Macron perde pezzi: fuori tutti ministri di MoDem

Il portavoce dell'Eliseo: "La loro uscita dall'esecutivo semplifica le cose"

Governo Macron perde pezzi: fuori ministri de Sanez e Bayrou

Il ministro della Giustizia francese Francois Bayrou, leader del partito di centro Modem e alleato del presidente Emmanuel Macron, lascerà il governo francese dopo il rimpasto tecnico in seguito alle elezioni legislative. Bayrou è stato coinvolto in uno scandalo legato ai finanziamenti dell'Europarlamento al suo partito usati per pagare gli stipendi di assistenti che lavorano in Francia. La notizia è stata confermata dal portavoce del governo Castaner. 

La decisione di Bayrou arriva ventiquattro ore dopo l'annuncio di dimissioni del ministro della Difesa, Sylvie Goulard, anche lei MoDem. A loro due si aggiunge anche la ministra per gli Affari europei Marielle de Sarnez. tre membri dell'esecutivo sono coinvolti nello scandalo sui fondi europei al loro partito, Modem, usati per pagare gli stipendi ad assistenti parlamentari in Francia, e non a Bruxelles. Un atto formale, dopo le elezioni legislative, che ha assunto un valore nuovo dopo lo scandalo che ha colpito il partito principale alleato di En Marche!.

Ai tre dimissionari si aggiuge anche la probabile dipartita di Richard Ferrand, fedelissimo di Macron sotto indagine per presunte irregolarità in alcuni appalti.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

La figlia di M.L. King contro Bannon: "Mio padre fiero di Trump? Sarebbe molto preoccupato"

Bernice King non ha affatto apprezzato l'intervista dell'ex stratega del presidente alla Bbc

Car emissions figures

Germania, Amburgo è la prima città a imporre divieti a veicoli diesel

I veicoli che non rispettino gli standard di emissioni Euro 6 non potranno circolare in una zona di 580 metri della trafficata Max-Brauer-Allee

Georgia, prima donna di colore candidata come governatrice

Stacey Abrams ha vinto le primarie democratiche, a novembre le elezioni

Bruxelles, Mark Zuckerberg al parlamento europeo

Facebook, Zuckerberg si scusa all'Ue. "No ingerenze in future elezioni"

Il fondatore del social network al Parlamento europeo. Tajani: "Monitoreremo"