Venerdì 25 Maggio 2018 - 09:45

Governo, si allungano i tempi. Conte lavora sulla lista dei ministri, incontro informale al Colle

Il premier incaricato dal governatore della Banca d'Italia a Palazzo Koch, poi vertice con Salvini e Di Maio. Conte non scioglierà la riserva prima di sabato

Giuseppe Conte entra alla Camera dei Deputati

La situazione è molto più ingarbugliata di quello che sembra. La partita per la formazione del governo è assolutamente aperta e il clima tra i player in campo si sta facendo decisamente teso. Parlare di scontro con il Colle per la lista dei ministri è azzardato, ma in atto c'è di sicuro un braccio di ferro che rischia addirittura di far saltare gli equilibri.

Da un lato c'è il leader della Lega, Matteo Salvini, che non arretra di un centimetro sulla candidatura di Paolo Savona al Ministero dell'Economia, dall'altro c'è il Quirinale che preferirebbe invece un altro nome per la casella del Mef, viste le idee dell'economista molto poco concilianti con le istituzioni politiche ed economiche dell'Unione europea. Nel mezzo di questa contesa si sono ritrovati sia il Movimento 5 Stelle che il premier incaricato, Giuseppe Conte. Ufficialmente la linea pentastellata non cambia. "Siamo totalmente allineati alla Lega" su Savona, come dice off the record una fonte M5S molto autorevole. Spiegando in poche parole che non si può assolutamente rischiare di gettare alle ortiche tutto il lavoro fatto "proprio quando siamo arrivati fino a questo punto". Ovvero all'ultimo miglio del percorso che dovrebbe portare al governo del cambiamento, "il miglio più importante", sottolinea ancora la fonte. La delicatissima fase che sta vivendo la politica italiana costringe i Cinquestelle a ricoprire un ruolo inedito, quello dei pompieri per spegnere il focolaio che sta montando tra i lùmbard e i piani alti del Quirinale, come una cicca di sigaretta nel pagliaio.

Lontano dai riflettori Di Maio e i suoi più stretti collaboratori stanno provando a riportare Salvini a più miti consigli, magari optando per una rosa di nomi o addirittura per un cambio in corsa con un altro pezzo da novanta del Carroccio, Giancarlo Giorgetti, il cui nome è circolato anche per Palazzo Chigi prima che si trovasse l'intesa su Giuseppe Conte. Tra l'attuale capogruppo dei Verdi alla Camera e il leader del suo partito, però, sembrano esserci state frizioni abbastanza forti nelle ultime ore, stando a quanto rivela una fonte parlamentare a taccuino chiuso. Il motivo dello scontro pare essere proprio il tentativo di Giorgetti di convincere Salvini a mettere da parte Savona. Questa mossa avrebbe insospettito e irritato il segretario federale, perché la soluzione non sarebbe affatto sgradita al Quirinale. A parziale conferma dello stato d'animo del neosenatore un brevissimo messaggio pubblicato sul suo profilo Facebook, nel quale scrive "Sono davvero arrabbiato", senza però specificarne il motivo. Dopo pochi minuti, tra gli oltre duemila like è comparso anche quello 'pesante' di Luigi Di Maio, sottolineando così la sua vicinanza all'altro attore del 'contratto' di governo. I segnali che qualcosa si fosse inceppato, in quello che sembrava un meccanismo quasi perfetto, si erano già rivelati poche ore prima, quando dalla Lega era filtrato un mood: non ci sono alternative a Savona e se dalla lista dei ministri dovesse 'magicamente' sparire il suo nome, allora il Carroccio sarebbe anche pronto a ritirare il suo voto di fiducia all'esecutivo. Molto probabilmente è di questo che avrà parlato Conte nel colloquio "informativo e interlocutorio" con il presidente della Repubblica.

A metà pomeriggio, infatti, il professore ha lasciato la sala del governo messa a sua disposizione alla Camera dei deputati ed è sparito dai radar, per poi ricomparire poco dopo all'ingresso del Quirinale, rigorosamente in taxi. In oltre un'ora di interlocuzione con il capo dello Stato, il premier incaricato gli avrà sicuramente riportato le posizioni granitiche dei due partiti, espresse e ribadite più volte dai leader nell'incontro avvenuto in tarda mattinata. Conte, infatti, non ha potuto fornire a Mattarella un orizzonte temporale entro il quale potrà risalire alla sala della Vetrata, sciogliere la riserva sull'incarico e comunicargli la lista dei ministri per il vaglio presidenziale. Perché in quel foglio, il nome di Paolo Savona sembra scritto con inchiostro indelebile. Salvini è consapevole che se cedesse proprio ora il suo peso specifico all'interno della maggioranza diminuirebbe in maniera esponenziale, ecco perché non cede sul punto. Per non rischiare di finire tritato da una linea di politica estera ed europea che sente lontana migliaia di chilometri dalla sua. Proprio i chilometri che ha messo tra sé e la politica, rintanandosi nella sua Milano, con i figli, facendo però sapere di essere pronto a rientrare a Roma immediatamente se i veti quirinalizi dovessero cadere. E chissà se nel buen retiro meneghino non gli venga in mente di richiamare il vecchio alleato Silvio Berlusconi per chiedergli se giovedì sera stesse scherzando o parlava sul serio. 'Radiomontecitorio', infatti, racconta che nell'incontro di giovedì alla Camera, durante le consultazioni, il Cav gli abbia sussurrato all'orecchio: "Fai saltare questa roba assurda e torniamo a votare, se ci stai io sono pronto per ottobre e stavolta vinciamo noi". Parole che forse non hanno lasciato "l'amico" Matteo indifferente.

 

Loading the player...

IL COLLE - È muro contro muro. Sergio Mattarella, dopo oltre 80 giorni dal voto, resta in silenzio, definendo così la dimensione dello stallo che impera sulla lista dei ministri del premier incaricato, Giuseppe Conte. Il punto di caduta nell'interlocuzione tra il presidente del Consiglio e il capo dello Stato è, e resta, il nome di Paolo Savona, su cui l'asse M5S e Lega si conferma sempre più saldo. E tutto così si ferma esattamente a due giorni fa, quando il professore è salito al Quirinale per ricevere l'incarico da Mattarella. La dialettica politica entra così a gamba tesa in quello che dovrebbe essere (come prevede la Costituzione), il naturale dialogo tra i due principali attori in questa fase della formazione dell'esecutivo: Conte e Mattarella. Il monito del presidente, che con forza ha condannato i diktat da parte dei partiti politici, ha sortito l'abbassamento dei toni, ma le posizioni restano sostanzialmente le stesse.  Ecco allora il motivo della salita al Quirinale del premier incaricato, nella totale discrezione, per un colloquio informale durante il quale l'inquilino del Colle è stato informato dell'esito delle consultazioni, tanto da essere definito freddamente 'interlocutorio e informativo'. Quasi scontato ipotizzare che Conte abbia anche riferito del vertice con i due leader, Salvini e Di Maio, con cui, viene ribadito, la 'sintonia' sembra essere totale. Compreso il ruolo di Savona nella squadra di governo. Un colloquio su cui il Colle mantiene il totale riserbo. Nessuna indiscrezione o lettura di oltre un'ora e mezza di colloquio. Quello che traspare è comunque che anche lo stesso capo dello Stato abbia risposto picche al premier incaricato. Un evidente aut aut su cui Mattarella dovrà fare le sue valutazioni. In mano il presidente ha quel potere di nomina che finora ha solo 'ricordato', per così dire, alle nuove generazioni della politica. Il faro resta comunque la Costituzione, di cui Mattarella non solo è garante ma anche sapiente esecutore.

I MINISTRI - Per quanto riguarda gli altri nomi, rumors di palazzo parlano dell'uscita dalla squadra di governo di Nicola Molteni, pronto a sostituire Giorgetti come capogruppo alla Camera. Nel caso in cui il braccio destro di Salvini fosse spostato al Mef, come sottosegretario andrebbe Lorenzo Fontana (per ora agli Affari regionali). L'Agricoltura, dicastero caro alla Lega, sarebbe accorpato al Turismo, sotto la guida di Gian Marco Centinaio. Lo Sviluppo economico e il Lavoro sembrano invece ancora fusi in un unico super-ministero con Luigi Di Maio pronto a dirigerlo. In caso di esclusione di Savona, però, dovrebbero essere, secondo la richiesta della Lega, scorporati, con il Lavoro che sarebbe assegnato ai 5Stelle e lo Sviluppo economico alla Lega. Ancora vuote invece alcune caselle importanti, non perché manchi un nome bensì una assegnazione d'area. Si discute infatti ancora su le Infrastrutture, che la Lega rivendica con Stefano Candiani. Anche la Salute sarebbe ancora sul tavolo, pretesa invece da Movimento 5Stelle. Nota dolente il ministero degli Esteri su cui i pentastellati vorrebbero mettere il cappello con Enzo Moavero Milanesi, anche se è spuntato il nome di Pasquale Salzano. Nel caso che prevalga l'ambasciatore, Moavero Milanesi si occuperebbe di Politiche Ue.

Il fedelissimo Riccardo Fraccaro si occuperebbe dei Rapporti con il Parlamento, mentre Danilo Toninelli delle Riforme. Alfonso Bonafede tiene alla Giustizia, come del resto Salvatore Giuliano all'Istruzione. Ancora traballante invece la Difesa, con Elisabetta Trenta indicata dai 5Stelle, su cui però la Lega non è convinta. Un rebus su cui Conte è a lavoro e non intende demordere. Salvini è volato a Milano, mentre Di Maio si trova alla Camera.

 

 

 

Scritto da 
  • Dario Borriello e Donatella Di Nitto
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Giallo su incontro Papa-Salvini: il ministro lo annuncia, il Vaticano smentisce

Dal portavoce della Santa Sede solo tre, inequivocabili parole: "Non c'è niente"

Virginia Raggi esce dal Campidoglio per andare in procura

Stadio della Roma, Raggi di nuovo in procura. Di Maio: "Lanzalone in Acea? Fu premiato il merito"

Già venerdì scorso la sindaca aveva chiarito una serie di dettagli della collaborazione instaurata con l'ex presidente della partecipata coinvolto nello scandalo

Migranti, Merkel riceve Conte: "Verremo incontro a richiesta di solidarietà dell'Italia"

Vertice a Berlino in mezzo alla bufera con la Csu. Il premier: "Non ci possono lasciare da soli". Fico contro Orban: "Se non vuole le quote deve essere multato"

Comizio di Matteo Salvini a Orbassano

Salvini: "Faremo un censimento dei rom, quelli italiani purtroppo li dobbiamo tenere"

Poi la parziale smentita. Di Maio: "Bene, la schedatura è incostituzionale". Orfini attacca: "Meglio fare un censimento dei razzisti e dei fascisti"