Venerdì 06 Maggio 2016 - 16:00

Governo, fondatore di Gay.it entrerà nello staff di Matteo Renzi

Si tratta di Alessio De Giorgi, ex portavoce del sindaco di Viareggio. La notizia è confermata da fonti vicine a Palazzo Chigi

Matteo Renzi

 Alessio De Giorgi, ex portavoce del sindaco di Viareggio e fondatore di Gay.it, entrerà a far parte dello staff di Matteo Renzi. La notizia è confermata da fonti vicine a Palazzo Chigi. Non è ancora chiaro quale sarà il ruolo che De Giorgi andrà a ricoprire nello staff del premier, che la settimana scorsa aveva annunciato l'arrivo di nuove nomine nella sua squadra. De Giorgi, proprietario del Mamamia ed esponente di Arcigay, fu con il suo compagno il primo a firmare un Pacs nel 2002. E' stato membro dell'assemblea nazionale del Pd nel 2007 e ha sostenuto la candidatura di Renzi alle primarie del partito nel 2012. Nel 2013 annunciò la candidatura al Senato nella lista di Scelta Civica, con Monti, ritirandosi però dopo pochi giorni. Attualmente conduce la trasmissione '30 minuti 30'  su Rete Versilia / Noi Tv.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Gentiloni a Parigi alla Riunione di Alto livello sulla Forza Congiunta G5 Sahel

Migranti, Gentiloni: "Chiederemo più impegno a tutta famiglia Ue"

Il presidente del Consiglio italiano ha ringraziato i primi ministri dei paesi del gruppo Visegrad per "la loro decisione di finanziare con 36 milioni di euro il Fondo fiduciario dell'Ue per l'Africa

SCHEDA - Ecco il testo della legge sul biotestamento

Otto articoli su consenso informato, terapia del dolore, Disposizioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Senato - ddl su biotestamento

Biotestamento, sì del Senato con 180 voti favorevoli. Adesso è legge dello Stato

I contrari sono stati 71 e 6 gli astenuti. Il testo è rimasto immutato rispetto a quello della Camera. Marcucci (Pd): "Paese più civile"

Silvio Berlusconi riunisce il PDL presso la "trattoria del Cavaliere" di Catania

Salvini attacca Forza Italia: "Nessun dialogo con chi protegge assassini e stupratori"

La mancata approvazione della legge Molteni sull'abolizione degli sgravi per reati gravissimi. Renzi e Di Maio sulla crisi del centrodestra