Venerdì 06 Maggio 2016 - 16:00

Governo, fondatore di Gay.it entrerà nello staff di Matteo Renzi

Si tratta di Alessio De Giorgi, ex portavoce del sindaco di Viareggio. La notizia è confermata da fonti vicine a Palazzo Chigi

Matteo Renzi

 Alessio De Giorgi, ex portavoce del sindaco di Viareggio e fondatore di Gay.it, entrerà a far parte dello staff di Matteo Renzi. La notizia è confermata da fonti vicine a Palazzo Chigi. Non è ancora chiaro quale sarà il ruolo che De Giorgi andrà a ricoprire nello staff del premier, che la settimana scorsa aveva annunciato l'arrivo di nuove nomine nella sua squadra. De Giorgi, proprietario del Mamamia ed esponente di Arcigay, fu con il suo compagno il primo a firmare un Pacs nel 2002. E' stato membro dell'assemblea nazionale del Pd nel 2007 e ha sostenuto la candidatura di Renzi alle primarie del partito nel 2012. Nel 2013 annunciò la candidatura al Senato nella lista di Scelta Civica, con Monti, ritirandosi però dopo pochi giorni. Attualmente conduce la trasmissione '30 minuti 30'  su Rete Versilia / Noi Tv.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Luigi Di Maio presenta la squadra di Governo

Governo, M5S si divide su Conte premier. Toninelli: "Sarà lui". Carelli: "Potrebbe saltare"

Si attende la decisione di Mattarella. Il professore indicato da Lega e M5S per l'incarico a presidente dei Consiglio finito nella bufera per le presunte irregolarità nel suo curriculum

Trasmissione televisiva 'in 1/2 ora'

Governo, chi è Paolo Savona: l'economista anti euro

È stato direttore della Banca d'Italia e di Confindustria. È lui il nome indicato da Salvini e Di Maio per il Mef

COMBO-FILES-ITALY-POLITICS-GOVERNMENT-PARTIES

Governo, Conte e Savona su graticola: ipotesi Di Maio premier, no di Salvini

Si indebolisce la candidatura del professore indicato come premier da M5S e Lega e riprende quota. Anche Paolo Savona in bilico al Mef

Luigi Di Maio presenta la squadra di Governo

Governo, il Colle vaglia il profilo di Conte: tempi più lunghi

A Mattarella serve altro tempo sul candidato premier indicato da M5S e Lega dopo il caso del curriculum 'ritoccato'