Lunedì 11 Aprile 2016 - 14:00

Governo, Delrio: Sereno e non si fa impressionare dalle polemiche

"Abbiamo scelto di lavorare sull'economia, sull'occupazione per cercare di far ripartire il Paese e riformarlo"

 Graziano Delrio

"Il Governo è sereno, lavora, ha lavorato anche venerdì al Def che è un Def ambizioso. Il Paese ha ricominciato a crescere e crescerà ancora di più nel 2016. Il Governo è dedicato al servizio del Paese e, quindi, non si fa impressionare dalle polemiche o dal lavoro che, giustamente, le opposizioni fanno. Abbiamo scelto di lavorare sull'economia, sull'occupazione per cercare di far ripartire il Paese e riformarlo. Credo che i numeri ci diano anche ragione. Continuiamo a lavorare molto serenamente". Lo ha detto il ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, Graziano Delrio, in conferenza stampa, a Monza, dopo l'assemblea dei sindaci della Provincia di Monza e Brianza, a chi gli chiedeva se "il governo è sereno".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

L'arrivo della delegazione M5S arriva in Quirinale per le consultazioni con il Presidente Mattarella.

Di Maio: "Momento storico, nasce la terza repubblica: il leader è il programma". E fa il nome di Conte

L'incontro con Mattarella. Esce raggiante: "E' nata la terza repubblica". Salvini: "Più lavoro, meno tasse. L'Italia al centro"

Elezioni Regionali Valle d'Aosta, giornata di spoglio

Valle d'Aosta, Union Valdotaine in testa al 19,25%, vola la Lega a 17,08%

Spoglio centralizzato. L'affluenza è stata del 65,12%, con 67 mila 146 votanti su 103 mila 117 aventi diritto

Quirinale. Consultazioni

Governo, c'è l'accordo: M5S e Lega al Colle. Europa, scontro con il capogruppo Ppe

Al Quirinale alle 17.30 Di Maio e alle 18 Salvini. Conte verso palazzo Chigi. Scontro con il capogruppo Ppe

Luigi Di Maio presenta la squadra di Governo

Chi è Giuseppe Conte, professore di diritto a Firenze

Era stato indicato per ricoprire l'incarico di ministro della 'Pubblica amministrazione, deburocratizzazione e meritocrazia'