Domenica 29 Maggio 2016 - 11:30

Google, Sapin esclude accordo fiscale: A rischio anche altre multinazionali

La Francia "andrà fino in fondo" per garantire che le multinazionali che operano sul suo territorio paghino le tasse

Google, Sapin esclude accordo fiscale: A rischio anche altre multinazionali

La Francia "andrà fino in fondo" per garantire che le multinazionali che operano sul suo territorio paghino le tasse e, dopo le perquisizioni a Google e McDonald's, potrebbero seguire altri casi. A dirlo è il ministro delle Finanze francese Michel Sapin, in un'intervista rilasciata a Reuters e a tre giornali europei. Le dichiarazioni di Sapin giungono dopo che martedì decine di poliziotti hanno perquisito il quartier generale di Google a Parigi, nell'ambito di un'indagine per sospetta evasione fiscale, e dopo che il 18 maggio gli investigatori avevano preso di mira il quartier generale francese di McDonald's nell'ambito di un'altra indagine sulle tasse. Sapin ha inoltre escluso che Parigi possa negoziare un accordo con Google sul pagamento di tasse arretrate, come ha fatto invece il Regno Unito a gennaio.

"Non facciamo accordi come la Gran Bretagna, applichiamo la legge", ha detto Sapin. A gennaio Google ha acconsentito a pagare 130 milioni di sterline di tasse arretrate al Regno Unito, sollevando critiche da parte di deputati dell'opposizione che sostengono che la somma fosse troppo bassa. Google, McDonald's e altre multinazionali come Starbucks sono sotto crescente pressione in Europa da parte dell'opinione pubblica e dei governi per il modo in cui sfruttano la loro presenza in diverse parti del mondo per minimizzare l'ammontare delle tasse che pagano.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Dal 2018 LaPresse distribuirà in Italia testi, foto e video di AFP

Accordo con il colosso francese. Marco Durante: "Crescere insieme". Christine Buhagiar: "Intesa con un attore principale del panorama italiano"

Il "cavallo morente" simbolo della Rai in Viale Mazzini

Rai, Comitato Informazione Pubblica: "Graduatoria Concorso 2015 resti unico riferimento per le assunzioni"

"A due anni di distanza, ancora non è dato sapere come l'azienda intenda agire per assicurare la salvaguardia e il rispetto delle posizioni e aspettative sorte in capo agli idonei"

Nicola Assetta entra in LaPresse. Sarà vicedirettore e capo area video

Il direttore Vittorio Oreggia: "Continua l'opera di espansione". Il presidente Marco Durante: "Il video è sempre più il nostro core business"

Tribunale di Torino condanna Blasting News a risarcire LaPresse

Il sito web sanzionato per l'utilizzo illegittimo di materiale fotografico