Sabato 28 Novembre 2015 - 15:30

Goleada del Brescia: Cagliari travolto 4-0

I lombardi battono a sorpresa i sardi che però rimangono primi in classifica

Caracciolo esulta

Clamoroso scivolone del Cagliari, travolto per 4-0 a Brescia nella 15/a giornata di Serie B. Nonostanta la sconfitta, la squadra di Rastelli resta comunque al comando della classifica con 32 punti ma vede il Crotone avvicinarsi a -1. Tre punti meritati per il Brescia, che sele a quota 23 punti in piena zona playoff. Dopo un primo tempo equilibrato e con tante occasioni da una parte e dall'altra, nella ripresa il Brescia rifila un poker di reti spettacolari. Sblocca il risultato l'eterno Caracciolo al 47' su assist di Geijo, raddopio al 57' di Kupisz abile a sfruttare in area un assist di Caracciolo. Con il Cagliari proteso in attacco alla ricerca del gol, il Brescia ne approfitta e al 78' va ancora iun gol con un sinistro micidiale di Embalo in contropiede. Nel finale ancora il polacco Kupisz firma il 4-0 defintivo che interrompe una serie di quattro successi di fila dei sardi. Da segnalare nel primo tempo un grave infortunio alla gamba  a Dessena.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Giro d’Italia U23: a Rubio la quinta tappa. Williams indossa la maglia rosa

Il colombiano chiude davanti al nuovo leader della generale e al kazako Natarov. Lontani gli italiani: Caiati, il migliore, è sedicesimo. Mercoledì la sesta giornata su LaPresse dalle 17:00

ENG, UEFA CL, Manchester City vs FC Liverpool

Da Guardiola 150mila euro per riparare la nave di Proactiva Open Arms

Un gesto importante per sostenere la ong catalana che si occupa di primo soccorso e salvataggi in mare

Calcio a 5, finali scudetto: l'Acqua&Sapone è campione d'Italia

Per gli abruzzesi è il primo tricolore. Battuta, dopo cinque partite e una serie intensissima, la Luparense detentrice del titolo. Sesto scudetto per Edgar Bertoni, che raggiunge Humberto Honorio, capitano dei veneti

Astori, secondo la nuova perizia il giocatore non è morto nel sonno, è stata 'tachiaritmia'

Forse il capitano della Fiorentina si sarebbe salvato se avesse condiviso la camera con qualcuno che poteva dare l'allarme