Sabato 12 Marzo 2016 - 13:15

Gli anamorfismi di Truly Design al Museo Ettore Fico di Torino

Forme geometriche scomposte che si riuniscono grazie all'illusione ottica

Gli anamorfismi di Truly Design al Museo Ettore Fico di Torino

'Truth depends on where you see it from': la verità dipende da dove la guardi. E' questo il titolo della mostra dei Truly Design che va in scena al Museo Ettore Fico di Torino fino al 26 giugno. Ed è il nome stesso dell'esposizione a spiegarne il senso: il lavoro di Truly Design declina infatti in chiave contemporanea un fenomeno ottico, l'anamorfosi. Si tratta di opere dipinte direttamente sui muri del museo: forme geometriche scomposte su pareti diverse e ricomponibili alla vista solo ponendosi in punti precisi all'interno della struttura. Il collettivo ha posto in dialogo ciò che fin dal XV secolo hanno sperimentato artisti del calibro di Leonardo da Vinci con lo spazio architettonico del MEF. L’astrazione anamorfica proposta si sposa con l’architettura del MEF, sia per la condivisione di un linguaggio visivo comune, fatto di forme geometriche minimali, sia per il destino che accomuna il collettivo allo spazio museale. All'interno del Museo Ettore Fico si trovano tre anamorfosi e l'esposizione dei bozzetti grafici originali, oltre al video in time-lapse del work-in-progress. La mostra sarà visitabile dal mercoledì al venerdì dalle 14 alle 19 e il sabato e domenica dalle 11 alle 19. Il Museo Ettore Fico si trova a Torino, in via Francesco Cigna 114.

La storia di Truly Design, collettivo formato da Mauro149, Rems182, Mach505 e Ninja1, parte da lontano. I quattro si conoscono a Torino a fine anni '90 iniziando a lavorare insieme nei luoghi abbandonati e nelle periferie sperimentando l'arte dei graffiti e del lettering. Nel 2003 decidono di fondare il collettivo e si impegnano nella ricerca di nuove forme espressive sia negli spazi urbani, sia su tela. Le caratteristiche di ognuno di loro convergono negli anni in un progetto comune che li connota nel panorama internazionale della street art: l’uso dell’anamorfismo applicato all’arte urbana; uno dei prodotti ad oggi più significativi per Truly Design. Fin da subito, il loro intento è stato sperimentare le interazioni tra questa tecnica e l’architettura industriale. L’impatto scenico dell’anamorfismo aumenta con la complessità dell’architettura circostante, che diventa parte integrante e imprescindibile dell’opera, un tutto tra figura e materia, da cui emergono visonarie immagini 3D. 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Buon compleanno Dylan Dog: i 30 anni dell'indagatore dell'incubo

Buon compleanno Dylan Dog: i 30 anni dell'indagatore dell'incubo

Il personaggio creato da Tiziano Sclavi nel 1986 e pubblicato da Sergio Bonelli Editore entra negli "enta"

Roma, appare in foto di inizio '900: caccia al villino fantasma

Roma, appare in foto di inizio '900: caccia al villino fantasma

Si tratterebbe dell'unico esempio nella capitale di liberty

Salone del Libro, rottura Torino-Milano, Franceschini: Occasione persa

Salone Libro, rottura Torino-Milano, Franceschini: Occasione persa

"Ci troveremo quindi con due saloni a cento chilometri di distanza l'uno dall'altro che si faranno una concorrenza spietata" sottolinea il ministro

Scelta la Giuria che eleggerà il vincitore del Premio Cairo

Scelta la Giuria che eleggerà il vincitore del Premio Cairo

A presiederla sarà Patrizia Sandretto Re Rebaudengo. I lavori saranno presentati in una mostra a Palazzo Reale a Milano