Venerdì 15 Gennaio 2016 - 12:00

Giustizia, via libera dal Cdm al pacchetto delle depenalizzazioni

Tra i reati trasformati in illeciti amministrativi la coltivazione della cannabis per fini terapeutici

Il ministro della Giustizia Andrea Orlando e il premier Matteo Renzi

Via libera del Consiglio dei ministri al decreto legislativo sulle depenalizzazioni che trasforma diversi reati, puniti solo con multa o ammenda, in illeciti amministrativi con sanzione pecuniaria immediatamente eseguibile. Tra i reati depenalizzati anche la violazione delle prescrizioni sulla coltivazione della cannabis, che diventa illecito amministrativo ma solo per utilizzo a fine terapeutici. Rimangono dentro il sistema penale e quindi esclusi dal provvedimento i reati che pur prevedendo la sola pena della multa o dell'ammenda attengono alla normativa sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, ambiente, territorio e paesaggio, sicurezza pubblica, giochi d'azzardo e scommesse, armi, elezioni e finanziamento ai partiti.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Bankitalia, Renzi mattatore a Firenze: "Esprimere giudizio non è lesa maestà"

Bankitalia, Renzi mattatore a Firenze: "Esprimere giudizio non è lesa maestà"

Il segretario Pd alla festa del quotidiano 'Il Foglio': "Non possiamo arrivare al paradosso che qualcuno è intoccabile, inviolabile, ingiudicabile"

Senato, Paolo Gentiloni riferisce sul prossimo consiglio europeo del 19 e 20 Ottobre

Legge elettorale, 179 proposte di modifica e 160mila firme per cambiarla

La legge elettorale arriverà in aula martedì 24 ottobre

Il Presidente Gentiloni al Consiglio Europeo di Bruxelles

Bankitalia, Gentiloni: "Il governo deve agire nell'interesse del Paese"

Il presidente del Consiglio si dice tranquillo relativamente a "strani incroci populisti" che si possano creare in parlamento sulla vicenda

PD, parte il tour di Renzi in treno

Bankitalia, Renzi "Riconferma Visco non è sconfitta". Prodi: "Mozione improvvida"

Il segretario Pd insiste: "Il governo era d'accordo". Gentiloni: "Tutelerò autonomia"