Sabato 14 Maggio 2016 - 13:15

Giustizia, Sala: Avviso di garanzia non basta per dimissioni

Il candidato sindaco di Milano: Serve giudizio definitivo

Giuseppe Sala

Milano, 14 mag. (LaPresse) - "Non penso che un avviso di garanzia, a meno che non sia per fatti molto gravi, debba portare un sindaco a dimettersi". Così Beppe Sala, candidato del centrosinistra a Milano, dal palco del Teatro Grassi. "Non dovremo lasciare l'interpretazione ai media o ai partiti - ha quindi sottolineato -, troviamo il consenso su una regola generale". La proposta di Sala è quella di dimissioni in caso di "giudizio definitivo" e secondo quanto previsto dalla legge Severino.

"Non deve nascere una paura di occuparsi della cosa pubblica", ha proseguito Sala, spiegando che uno scontro tra politica e magistratura potrebbe avere tra i suoi risvolti negativi l'allontanamento di chi opera nel privato dall'impegno pubblico, che sarebbe considerato troppo rischioso. "La magistratura ha avuto un ruolo evidente nel paese in questi anni", ha concluso, "è momento che ci si pacifichi, se no creiamo una spaccatura profonda tra mondo pubblico e privato".
 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Il Presidente Mattarella a Civitavecchia in occasione della partenza della "Nave della Legalità"

Il Colle non ci sta: "Tema non sono veti, ma diktat su Mattarella e Conte"

Trapelano malumori per la posizione di Di Maio e Salvini su Savona all'Economia

Quirinale, Consultazioni

Salvini: "Pace fiscale e autonomia le priorità". E insiste su Savona al Mef

Una persona che vuole ridiscutere le regole europee "è un vanto per l'Italia, non un disvalore"

Quirinale, terzo giro di consultazioni per la formazione del nuovo governo

Berlusconi attacca: "FI non sosterrà il governo, incompatibili con M5S"

Il leader forzista si scaglia contro "l'ideologia pauperista e giustizialista dei grillini"

Camera dei Deputati - Consultazioni del Presidente incaricato Giuseppe Conte

Conte incontra i partiti, poi i truffati dalle banche e Visco. "Governo in tempi brevi, tutti i ministri politici"

Salvini e Di Maio blindano Savona. Irritazione del Quirinale: "Non si limiti autonomia del presidente del Consiglio"