Martedì 17 Ottobre 2017 - 13:30

"Giustizia per Daphne": proteste ai tribunali per la giornalista uccisa a Malta

Atteso l'arrivo di agenti dell'Fbi, la cui collaborazione alle indagini è stata richiesta dalle autorità dell'isola

Malta, autobomba uccide la giornalista Daphne Caruana Galizi

Protesta davanti ai tribunali di Malta, a partire dalle 13.30, per chiedere che sia fatta giustizia dopo l'uccisione ieri della giornalista d'inchiesta e blogger anti-corruzione Daphne Caruana Galizia, morta nell'esplosione dell'auto sulla quale viaggiava. La manifestazione di oggi, organizzata da 'Civil Society Network - Malta', segue la veglia che si è tenuta ieri sera a Sliema, alle porte della capitale La Valletta, a cui hanno partecipato circa 3mila persone.

Secondo quanto riportano i media maltesi le indagini per omicidio, avviate ieri, potrebbero subire dei ritardi perché la magistrata Consuelo Scerri Herrera ha annunciato che lascerà il caso, come chiesto ieri dai familiari della reporter uccisa dal momento che la stessa Scerri Herrera era stata in passato oggetto di critiche da parte di Caruana Galizia. Per il proseguimento delle indagini, dunque, è atteso che il caso venga assegnato a un altro magistrato.

A Malta, inoltre, è atteso l'arrivo di agenti dell'Fbi, la cui collaborazione alle indagini è stata richiesta dalle autorità dell'isola. L'accaduto è stato condannato tanto dal premier Joseph Muscat, quanto dal leader di opposizione Adrian Delia: entrambi erano stati oggetto di accuse da parte della giornalista. 

L'arcivescovo di Malta Charles Scicluna condanna "con la massima fermezza" l'omicidio di Galizia. "Questo non è il momento di innescare guerre tra noi" e di accusarsi reciprocamente, scrive il vescovo, bensì di "difendere la dignità di ciascuno, eliminare la rabbia tra noi e difendere il grande valore della democrazia". Il vescovo, che prega "per la vittima e i suoi parenti" esprime anche la sua "solidarietà con tutti i giornalisti" e li incoraggia "a difendere la verità, senza paura di nessuno", nel loro servizio di amore "al popolo e alla democrazia"

Anche la Commissione europea esprime il suo orrore per l'uccisione della giornalista maltese, chiedendo che i responsabili siano portati davanti alla giustizia. "Siamo inorriditi dal fatto che la nota e rispettata giornalista Daphne Caruana Galizia abbia perso la vita ieri in quello che è stato a quanto pare un attacco mirato", ha detto il portavoce della Commissione Ue, Margaritis Schinas, aggiungendo che il presidente Jean-Claude Juncker condanna l'attacco nel modo più forte possibile. "Il diritto di un giornalista a indagare, porre domande scomode e riferire in modo efficace è al cuore dei nostri valori e va garantito in ogni momento", ha aggiunto il portavoce dell'esecutivo comunitario. 

 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Spagna, la policia nacional lascia le città catalane

Barcellona, 34enne italiano morto accoltellato durante una rissa

È deceduto in ospedale, dove era arrivato in stato critico

Isabell e Preble: morire insieme dopo 71 anni di matrimonio

Una storia americana: si sposarono nel 1946, hanno vissuto sempre vicini e se ne sono andati a poche ore di distanza l'uno dall'altra

The Argentine military submarine ARA San Juan and crew are seen leaving the port of Buenos Aires

Sottomarino scomparso: ci fu esplosione in zona ultimo segnale

Un "rumore" era stato registrato circa tre ore dopo l'ultima comunicazione avuta con il mezzo disperso dal 15 novembre

Ratko Mladic

Chi è Ratko Mladic: 'macellaio' di Srebrenica e assedio Sarajevo

L'ex generale è stato condannato per genocidio e crimini contro l'umanità