Mercoledì 26 Ottobre 2016 - 17:15

Giuliani, Biondini, Pietropaoli Trio il 27 ottobre al Jazz Club di Torino

Il concerto del gruppo di uno dei protagonisti della scena jazz italiana

Giuliani, Biondini, Pietropaoli Trio al Jazz Club di Torino

Il Jazz Club di Torino, in piazza Valdo Fusi, ospita giovedì 27 ottobre uno dei protagonisti della scena jazz italiana, Rosario Giuliani. Pubblicato dall’etichetta “Jando Music” e “Via Veneto Jazz”, “Cinema Italia” è un omaggio al grande cinema nazionale, che ha contribuito, consolidando una tradizione di eccellenza, a far conoscere il nostro paese nel mondo. Il cast di musicisti è eccellente: oltre a Rosario Giuliani al sax, troviamo Luciano Biondini alla fisarmonica e Enzo Pietropaoli al contrabbasso. Il gruppo si caratterizza per un’interpretazione contemporanea di queste melodie indimenticabili. L’ascoltatore viene sorpreso dalla modernità delle sue versioni, pur nel rispetto della melodia originale. Tra i temi proposti, colonne sonore di film indimenticabili, tra i quali “8 ½”, “C’era una volta in America” e “Nuovo Cinema Paradiso”, firmati da Nino Rota ed Ennio Morricone.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Gabbani, Nomadi e Brunori Sas al Festival Contro di Castagnole

Gabbani, Nomadi e Brunori Sas al Festival Contro di Castagnole

Tra gli ospiti anche una delle band più longeve e apprezzate del panorama nazionale come I Nomadi

Irama

Irama provoca con ‘Mi drogherò’: L'amore è la sostanza più potente

Esce il nuovo singolo del cantautore che nel 2016 ha esordito a Sanremo Giovani

Codacons denuncia bagarinaggio online: 2.634 euro per vedere Vasco

Codacons denuncia bagarinaggio online: 2.634 euro per vedere Vasco

Il fenomeno del 'secondary ticketing' colpisce anche il concerto del rocker del prossimo 1 luglio al Modena Park

Ian Gillan dei Deep Purple: Mai fumato una canna fino a 38 anni

Ian Gillan dei Deep Purple: Mai fumato una canna fino a 38 anni

Sulle prossime date italiane ha rassicurato: "Ogni show sarà diverso dall'altro"