Domenica 20 Novembre 2016 - 10:15

Papa chiude Porta Santa: termina il Giubileo della Misericordia

Francesco ha voluto che il Giubileo fosse celebrato in tutte le cattedrali del mondo

Papa Francesco ha chiuso l'ultima Porta Santa

Dopo aver pronunciato la formula di rito ed essersi fermato in raccoglimento, Papa Francesco ha chiuso i battenti della Porta santa della Basilica di San Pietro, l'ultima rimasta aperta. L'Anno Santo straordinario della Misericordia, che si è aperto ufficialmente l'8 dicembre scorso, è terminato.
 

Per la prima volta nella storia, il Papa ha voluto che il Giubileo fosse davvero diffuso, celebrato in tutte le cattedrali del mondo. E' per questo che, simbolicamente, ha potuto anticiparne l'apertura dalla cattedrale della martoriata Bangui, nel Centrafrica, il 29 novembre durante il suo viaggio apostolico.
Gli ultimi sono stati il cardine dell'Anno Santo: i carcerati, gli ammalati, gli esclusi, i disabili. L'Unitalsi (Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati a Lourdes e Santuari Internazionali) ha fatto sapere che in questi mesi sono stati accolti oltre 50mila pellegrini disabili e malati.

Alla cerimonia di chiusura hanno assistito le alte cariche dello Stato: il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e il premier, Matteo Renzi. Tra i presenti, anche la sindaca della capitale, Virginia Raggi. Il bilancio delle presenze per la città di Roma è inclemente: a parte qualche picco di presenze per alcuni grandi eventi, come l'esposizione delle spoglie di Padre Pio e la santificazione di Madre Teresa di Calcutta, l'arrivo dei pellegrini a Roma è stato costante ma mai troppo affollato. Molto ha fatto la paura degli attacchi terroristici, così come la possibilità di avere il Giubileo nella cattedrale della propria città, nelle carceri, negli ospedali. Guai però, per il 'regista' dell'Anno Santo, monsignor Rino Fisichella, a parlare di "flop": "Alla fantasia non c'è mai limite. Le notizie si danno con i numeri e non con la fantasia. Qualcuno invece di parlare con me ha preferito spettegolare con qualche ufficiale della Curia Romana" ha commentato, assicurando che per la fine dell'evento saranno passati sotto le porte sante di Roma più di 20 milioni di pellegrini.
In eredità, ha detto monsignor Fisichella, il Giubileo lascia "la grande gioia innanzitutto provocata dal mettere di nuovo al centro della vita della Chiesa la misericordia".
La volontà di Papa Francesco, al di là dei numeri, era che l'Anno Santo non fosse tanto un anno di clamore, quanto un'occasione di riflessione e riscatto. Lo dimostra una delle iniziative più significative che ha voluto adottare: i venerdì della misericordia. Per un venerdì di ogni mese dell'anno, il Papa si è recato personalmente a sorpresa, senza telecamere, a far visita agli ultimi: come quando, il 18 dicembre, pochi giorni dopo l'inaugurazione del Giubileo, ha aperto una porta santa nell'ostello 'Don Luigi Di Liegro', della Caritas di Roma, a pochi passi dalla stazione Termini. O come quando, il 24 marzo, ha lavato i piedi ai giovani profughi ospiti del Cara di Castelnuovo di Porto, o, ancora, il 26 febbraio, ha fatto visita ai ragazzi tossicodipendenti in cura nel Ceis-Centro italiano di solidarietà 'don Mario Picchi'.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Roma, trovato cadavere della studentessa cinese scomparsa

Roma, trovato il cadavere della studentessa cinese scomparsa

Il copro era vicino alla ferrovia, la ragazza potrebbe essere stata investita da un treno

Raggi incontra la famiglia marocchina cacciata da San Basilio

Raggi con la famiglia marocchina cacciata da San Basilio

Mourad, la moglie e i figli sono stati costretti ad abbandonare una casa popolare dopo la rivolta dei vicini

Roma, l'ultima chiamata della 20enne cinese scomparsa: Mi hanno rapinata

Roma, ultima chiamata 20enne cinese scomparsa: Mi hanno rapinata

Non si hanno più notizie della giovane da lunedì mattina

Frosinone, blitz contro 'supermarket' della droga: 52 arresti

Blitz contro 'supermarket' della droga a Frosinone: 52 arresti

'Capi turno', stipendi e segnali in codice per organizzare al meglio lo spaccio