Domenica 06 Novembre 2016 - 10:45

Giubileo dei carcerati, il Papa chiede un atto di clemenza

Le parole all'Angelus, dopo la messa per i detenuti

Papa Francesco

"In modo speciale, sottopongo alla considerazione delle competenti autorità civili di ogni Paese la possibilità di compiere, in questo Anno Santo della Misericordia, un atto di clemenza verso quei carcerati che si riterranno idonei a beneficiare di tale provvedimento". Lo ha detto Papa Francesco dopo l'Angelus in piazza San Pietro, nel giorno in cui si celebra il Giubileo dei carcerati. Il pontefice ha ribadito la necessità di una giustizia penale " che non sia esclusivamente punitiva, ma aperta alla speranza e alla prospettiva di  reinserire il reo nella società".

"Ogni volta che entro in un carcere mi domendo perche loro e non io", aveva detto il pontefice durante la messa in Vaticano per il Giubileo dei carcerati. Il pontefice si era rivolto ai detenuti spiegando che "a volte una certa ipocrisia spinge a vedere in voi solo delle persone che hanno sbagliato, per le quali l'unica via è quella del carcere. Non si pensa alla possibilità di cambiare vita, c'è poca fiducia nella riabilitazione. Ma in questo modo si dimentica che tutti siamo peccatori e, spesso, siamo anche prigionieri senza rendercene conto".
"Quando si rimane chiusi nei propri pregiudizi - aveva aggiunto Bergoglio - o si è schiavi degli idoli di un falso benessere, quando ci si muove dentro schemi ideologici o si assolutizzano leggi di mercato che schiacciano le persone, in realtà non si fa altro che stare tra le strette pareti della cella dell'individualismo e dell'autosufficienza, privati della verità che genera la libertà. E puntare il dito contro qualcuno che ha sbagliato non può diventare un alibi per nascondere le proprie contraddizioni". "Il Giubileo, per sua stessa natura - aveva spiegato il Papa - porta con sé l'annuncio della liberazione. Non dipende da me poterla concedere, ma suscitare in ognuno di voi il desiderio della vera libertà è un compito a cui la Chiesa non può rinunciare".

LE TESTIMONIANZE DEI DETENUTI E DEGLI AGENTI. Si è aperta con una serie di testimonianze la messa in vaticano per celebrare il Giubileo dei carcerati. Daniel, un ex detenuto minorenne, ha raccontato la sua esperienza. Poi la testimonianza di un parroco, e quella di Elisabetta, una madre che dopo la morte del figlio quindicenne si è dedicata al volontariato nelle carceri. E' intervenuto anche Ciro, un ergastolano, che con Elisabetta ha stretto una sincera amicizia: "Il dolore non ha colpe, non è buono nè cattivo", racconta Ciro nel parlare della sua esperienza in carcere.

"Credere in questo mandato è fondamentale. Non è sempre facile, anzi non lo è mai". Così una agente di polizia penitenziaria ha parlato in apertura della messa. "Noi siamo le prime persone che il detenuto incontra lungo il suo percorso detentivo - ha proseguito - Spetta a noi cogliere nella persona detenuta ogni cedimento ma anche offrire una speranza per il futuro". "E' necessario istituire una relazione con la persona e non con l'errore commesso - ha aggiunto - mettendo al centro l'essere umano che merita la possibilità di redenzione per la sua dignità".

LA MARCIA DEI RADICALI. Mentre si svolge la messa, è in corso, sul Lungotevere di Roma, la quarta 'Marcia per l'Amnistia', intitolata a Marco Pannella, organizzata dai Radicali. Partito dal carcere di Regina Coeli, all' altezza del ponte Mazzini, il corteo arriverà fino a Piazza San Pietro, dove si celebra il Giubileo dei carcerati. In prima fila, dietro lo striscione d'apertura, Rita Bernardini. Superano quota 10mila le adesioni dei detenuti che ieri e oggi partecipano al digiuno di dialogo per condividere, anche da dietro le sbarre, la battaglia per l'amnistia di Marco Pannella e del Partito radicale.

 

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Istat, il 28,7% dei residenti in Italia è a rischio povertà

Istat, il 28,7% dei residenti in Italia è a rischio povertà

Secondo il report, è cresciuto anche il divario tra le famiglie ricche e quelle povere

Saronno, collega dell'infermiera: Sono sotto choc

Saronno, collega dell'infermiera 'killer': Sono sotto choc

"Non ho mai sentito parlare del metodo Cazzaniga"

Torino, sbaglia ingresso con suv e si incastra su scalini Metro

Torino, sbaglia ingresso con suv e si incastra su scalini Metro

Protagonista una conducente 34enne. E' successo vicino alla stazione di Porta Nuova

Peggioramenti in Sardegna e in Sicilia, rischio nebbie al nord

Peggioramenti in Sardegna e in Sicilia, rischio nebbie al nord

Per il ponte dell'Immacolata il tempo sarà stabile e temperature non particolarmente fredde