Martedì 02 Agosto 2016 - 13:30

Girare col coltello o con un machete: cosa prevede la legge

Ammesso solo il trasporto, illegale portare con sé una lama

Girare col coltello o con un machete: cosa prevede la legge

Se acquistare una pistola illegalmente e anonimamente sul dark web è una impresa che richiede qualche competenza informatica, dotarsi di un'arma da taglio è decisamente più semplice. Così chiunque potrebbe girare, come ha fatto un 24enne turco fermato bloccato a Venezia nel weekend, con un machete nella borsa. Non si tratta di armi illegali. In un Paese come l'Italia, nel quale gli appezzamenti di terreno coltivati a livello familiare dominano il paesaggio, è difficile controllare la circolazione di ogni lama.

Online si può acquistare di tutto a prezzi ridotti: su titano-store.com un machete in acciaio con impugnatura ergonomica costa appena 23 euro. Su coltelleriacollini.it un set da tre machete si porta a casa con 34 euro. Su Amazon un machete "Survival" costa 26 euro, mentre bighunter.net a 20 euro è disponibile un'arma con manico in cuoio con paracolpi. D'altra parte, in qualsiasi negozio di ferramenta o persino di souvenir sono disponibili Opinel di tutte le misure a prezzi ridotti.

Ma quali sono le norme che disciplinano la detenzione e il trasporto di queste armi? Intanto va sfatato un mito: non esiste una soglia di dimensioni oltre la quale portare un coltello in tasca è illegale. Portare un coltello in tasca è sempre illegale, anche se la lama misura pochi centimetri.

L'unico caso ammesso è quello del trasporto. Vale a dire: se si acquista un machete in negozio per tagliare le canne del proprio campo, lo si può trasportare a casa purché sia custodito in una confezione e accompagnato dallo scontrino. In altre parole, è ammesso traportare l'oggetto a casa, non portarlo in giro con sé.

Allora un boy scout che ha in tasca un Opinel da cinque centimetri è illegale? No, spiegano dalla questura di Roma. La discriminante è che la persona sia in grado insomma di spiegare il possesso dell'oggetto e di giustificarlo.

Il Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza prevede che le armi vadano sempre denunciate. "Chiunque detiene - recita l'articolo 38 - armi, munizioni o materie esplodenti di qualsiasi genere e in qualsiasi quantità deve farne immediata denuncia all'ufficio locale di pubblica sicurezza o, se questo manchi, al comando dei reali carabinieri. Sono esenti dall'obbligo della denuncia: a) i corpi armati, le società di tiro a segno e le altre istituzioni autorizzate, per gli oggetti detenuti nei luoghi espressamente destinati allo scopo; b) i possessori di raccolte autorizzate di armi artistiche, rare o antiche; c) le persone che per la loro qualità permanente hanno diritto ad andare armate, limitatamente però al numero ed alla specie delle armi loro consentite".

Scritto da 
  • Fabio De Ponte
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Blitz allevatori all'Antitrust per la 'Guerra del latte'

Antitrust, al via al 13mo convegno: tra gli sponsor anche Intesa San Paolo

I lavori saranno aperti il prossimo 24 maggio dal Johannes Laitenberger, direttore generale della concorrenza della Commissione europea e dal presidenye Agcom Giovanni Pitruzzella

Bari, turista americana trovata morta in un b&b con lividi sul collo

Fermo, lite culmina in tragedia: pensionato uccide la moglie con un fucile

Le ha sparato tre colpi al petto, durante un litigio in camera da letto

Francavilla, uomo lancia figlia della convivente dal viadotto della A14 e si suicida

La tragedia del cavalcavia. "Filippone non aveva problemi psichici"

Chieti: tre le vittime della follia dell'uomo: la moglie, la figlia e lui stesso. Molti aspetti ancora da chiarire

Presentazione del progetto " Stradeinfesta "

Roma si mobilita per la Casa delle donne. Raggi: "Non la chiuderemo"

A rischio la storica sede di associazioni dei movimenti femministi in via della Lungara. La consigliera M5S Guerini intenderebbe trasformarla in un centro di coordinamento gestito da Roma Capitale