Sabato 03 Settembre 2016 - 21:15

Giovane torinese No Tav coi miliziani curdi in Siria contro l'Isis

In un video un appello-attacco all'Italia e all'Ue perchè interrompa ogni rapporto con la Turchia

Giovane torinese No Tav coi combattenti curdi in Siria contro l'Isis

Ci sarebbe anche un giovane torinese tra i combattenti delle milizie curde siriane dell'Ypg. In un video apparso su Youtube e ripreso dal Infoaut, sito di informazione alternativa, il giovane, identificato come Davide Grasso, attivista No Tav, parla dal fronte di Raqqa, roccaforte dello Stato islamico in Siria, spiegando l'attuale situazione nel nord del Paese e rivolgendo un appello alla solidarietà dopo l'invasione turca di Jarablus e i bombardamenti a Menbij. Nel filmato, datato 2 settembre, il militante si rivolge ad alcuni politici italiani, tra cui il premier Matteo Renzi, Federica Mogherini, Alta rappresentante Ue agli Affari esteri, Staffan de Mistura, negoziatore delle Nazioni Unite per la pace in Siria, e Matteo Salvini, segretario della Lega Nord, sottolineando la loro "ipocrisia e le loro responsabilità rispetto all'attuale situazione del Rojava (il Kurdistan siriano), della Siria, del Medioriente e alle politiche riguardanti i profughi". In particolare, rivolto al presidente del Consiglio, il combattente chiede di "interrompere adesso ogni relazione commerciale, militare e diplomatica con lo Stato turco e dimostri così se davvero sta dalla parte di chi combatte i nemici dell'umanità". Accuse gravi invece a Mogherini: "Sotto il suo mandato i rapporti dell'Unione europea con la Turchia sono diventati sempre più imbarazzanti, al punto che si vogliono regalare miliardi di euro al sultano Erdogan - dice Grasso nel video -, proprio quello che fa massacrare i civili curdi entro i suoi confini, che fa arrestare migliaia di oppositori, che da anni appoggia tutti i gruppi più reazionari che agiscono in Siria - compreso l'Isis". 

Matteo Salvini, poi, ha la peggio: "In questo spettacolo - ribadisce il combattente - perdi continue occasioni per stare zitto; ad ogni nuovo attentato ti cali come un avvoltoio sui cadaveri ancora caldi delle vittime per imbastire la tua propaganda da quattro soldi, per cercare di mettere le persone le une contro le altre, per additare come colpevoli dei poveracci che non c'entrano niente; tu agisci soltanto per il tuo interesse personale, per la tua sete di potere, per la tua sete di carriera". Il filmato si conclude con un saluto delle milizie curde in memoria di Valeria Solesin, la ragazza italiana uccisa durante gli attacchi di Parigi del 13 novembre da parte dello Stato islamico. "Vogliamo mandare da questo fronte un saluto in memoria di Valeria Solesin e a tutte le vittime degli attentati dell'Isis a Parigi, a Bruxelles, a Nizza, a Orlando, a Baghdad, a Beirut, ad Ankara, a Suruc, a Qamishlo e in tutte le città della Siria e del mondo che hanno patito o patiscono la violenza dell'Isis. Noi non le dimentichiamo, come non dimentichiamo tutti i combattenti caduti per la libertà".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

FILE PHOTO: Newly inaugurated U.S. President Donald Trump salutes as he presides over a military parade during Trump's swearing ceremony in Washington

Usa, Trump vieta l'esercito ai trans: Militari devono vincere

Il presidente americano scatena le polemiche per la sua decisione: "L'esercito non può sostenere il tremendo costo medico e il disagio che i trangender nell'esercito comportebbero"

Nord Corea: Pronti ad attacco nucleare al cuore degli Usa

Nord Corea: Pronti ad attacco nucleare al cuore degli Usa

La minaccia arriva in risposta ai commenti del direttore della Cia, Mike Pompeo, secondo il quale l'amministrazione Trump dovrebbe trovare un modo per separare Kim dal suo arsenale

Sarraj incontra Gentiloni e chiede navi italiane in acque libiche

Stretta di mano tra il primo ministro italiano e il capo del governo di unità nazionale libica

Migranti, Corte Ue: Anche in emergenza spetta a Paese d'arrivo esame richieste d'asilo

Emergenza migranti, Corte Ue: Asilo spetta a Paese d'arrivo

Nessuna deroga al regolamento di Dublino. Avvocatura europea: "Respingere ricorsi di Slovacchia e Ungheria su relocation"