Mercoledì 20 Aprile 2016 - 13:45

Gioconda è androgina: 2 modelli, una donna e un uomo

Lisa Gherardini e l'allievo prediletto Gian Giacomo ispirarono Leonardo da Vinci. Enigma risolto dallo studioso Silvano Vinceti

Gioconda, svelato il volto androgino del capolavoro di Leonardo: sono Lisa e Gian Giacomo

Il sorriso misterioso e più emigmatico della storia dell'arte, quello di Monnalisa nel quadro della Gioconda di Leonardo, resta. Ma finalmente è stato risolto il mistero sull'identità della Gioconda. Leonardo si avvalse di due modelli: Lisa Gherardini, detta Monna Lisa del Giocondo, e Gian Giacomo Caprotti, detto, il Salai. E' la tesi lanciata oggi da Silvano Vinceti, ricercatore e studioso di arte, noto anche per i suoi studi su Caravaggio, da una conferenza stampa a Firenze nella chiesa di Sant'Orsola. 

Per decenni si sono succedute teorie inerenti il rapporto fra il dipinto della Gioconda e Leonardo che hanno sostenuto che Leonardo si sia avvalso di un modello. "Diversi storici - spiega Vinceti, presidente del Comitato nazionale per la valorizzazione dei Beni storici culturali e ambientali - lo hanno individuato in diverse nobildonne, da Lisa Gherardini, a Pacifica Brandano, Caterina Sforza, Isabella d'Aragona, fino alla tesi dell'autoritratto, o a quella della raffigurazione fantastica. C'è anche chi ha sostenuto si tratti del suo allievo prediletto, il Salai. "Tesi storiche diverse e contrastanti alimentate e giustificate dai pochi riferimenti storici a disposizione", precisa Vinceti, responsabile della ricerca sui resti mortali della Lisa Gherardini, che rivendica la originalità e innovatività del suo metodo: "grazie all'utilizzo delle fonti storiche e dei risultati delle moderne tecnologie indagative a disposizione - evidenzia - è stato possibile giungere ad un risultato poggiato su fondamenta solide ed oggettive". 

"Ora non siamo più solo nel campo delle ipotesi di ricostruzione storica: grazie alla disponibilità della prima delle tre stratificazioni emerse dall'esame a raggi infrarossi, realizzato anni addietro, sulla Gioconda del Louvre, si può dare una risposta certa", assicura Vinceti.

Nella prima stratificazione - a quanto emerso dallo studio illustrato oggi - la Gioconda appare malinconica e triste. Giorgio Vasari nella storia dei grandi artisti nella parte dedicata a Leonardo scrisse che Francesco del Giocondo, marito della gentildonna Lisa Gherardini, per far ridere la moglie malinconia e triste chiamò giullari e clown, mentre Leonardo la ritraeva.

La tesi di Vinceti e del suo staff è che il secondo modello che Leonardo utilizzò fu Gian Giacomo Caprotti detto il Salai. Leonardo si avvalse di lui in più opere: l'Angelo Incarnato, il Sant' Anna, e nel suo ultimo capolavoro il San Giovanni Battista.

Scritto da 
  • Laura Carcano
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Prima della Scala, Andrea Chénier di Umberto Giordano inaugura la stagione

La Prima della Scala di Milano, tra vip e proteste

Inaugura la stagione scaligera 2017/2018 con Andrea Chénier, l'opera di Umberto Giordano

Trasmissione "Che Tempo Che Fa"

Molestie, Fabio Volo: "Da giovane mi difesi da avance, ma per le donne non è semplice"

A Radio Rai 1 l'artista racconta uno spiacevole episodio che risale agli anni in cui era un giovane cantante

Il 'Salvator Mundi' di Leonardo all'asta per 450 milioni di dollari

Un record mondiale per il dipinto riscoperto di recente e considerato l'ultimo del genio italiano

Musei italiani sempre pieni nel 2017. Verso i 50 milioni di visitatori

Dal Colosseo agli Uffizi, da Pompei alla Reggia di Caserta, continua l'incremento di pubblico e di incassi